16 Maggio 2012
21:52

Elisa riscatta con Hallelujah il dolore delle storie di Eternit

Niente è casuale nelle scelte di Elisa Toffoli a Quello che (non) ho. Dopo il dolore senza spiegazione di chi ha perso tutto a causa dell’amianto, Hallelujah di Elisa suona come una cura.
A cura di Laura Balbi
Niente è casuale nelle scelte di Elisa Toffoli a Quello che (non) ho. Dopo il dolore senza spiegazione di chi ha perso tutto a causa dell'amianto, Hallelujah di Elisa suona come una cura.

Hallelujah di Jeff Buckley è un inno all’infinito, alla vita e alla morte allo stesso tempo e a Dio. E’ così che Elisa sceglie di aprire la terza puntata di Quello che (non) ho, il suono è dolce, la sua voce è quella rassicurante di sempre. Una conclusione degna e piena di significato dopo il monologo di Roberto Saviano sull’Eternit e il racconto della parola polvere – quella polvere che ha ucciso insinuandosi senza sosta – della Signora Romana Blasotti. Le vittime dell’amianto sono state 1500 a Casale Monferrato, e la sentenza conclusiva è stata definita storica, proprio perché finalmente dopo morti su morti l’amianto è stato giudicato letale. Elisa sembra riuscire a interpretare in musica e con il suo strumento più prezioso i sentimenti di una morte così assurda, e ingiustificabile.

Roberto Saviano, Eternit [VIDEO]
Roberto Saviano, Eternit [VIDEO]
Elisa canta One a Quello che (non) ho
Elisa canta One a Quello che (non) ho
Elisa canta Father and Son di Cat Stevens
Elisa canta Father and Son di Cat Stevens
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni