Kirby Morrow, doppiatore statunitense conosciuto per essere stato soprattutto la voce di Goku in "Dragon Ball Z", è morto all'età di 47 anni. Una notizia che è stata accolta con grande dolore dagli appassionati di anime di tutto il mondo, perché Kirby Morrow era conosciuto per essere la voce maschile dei principali cartoni giapponesi tradotti in inglese. Non solo Dragon Ball ma anche Miroku del manga "Inuyasha", il mutante Ciclope/Scott Summers nella serie animata "X-Men: Evolution". Inoltre, è stato attore ricorrente in serie come "Legion", "Supernatural", "The L Word" e "The Good Doctor".

La tragica morte

Kirby Morrow è morto all'età di 47 anni il 19 novembre 2020. La sua morte è stata annunciata via Facebook dal fratello, Casey Morrow. Le cause non sono state rese note. Il suo ultimo lavoro di doppiaggio è stato riprendere il ruolo di Miroku, personaggio della serie Inuyasha, per il primo episodio di "Yashahime: Princess Half-Demon".

Paolo Torrisi, anche la voce italiana di Goku è morta

Con la scomparsa di Kirby Morrow, scompare l'ultima grande voce di Goku, amato personaggio di Dragon Ball. Anche la voce italiana, quella di Paolo Torrisi, è scomparsa prematuramente. Nome d'arte di Maurizio Torresan, la sua carriera inizia come ‘bambino prodigio' all'età di 9 anni nello sceneggiato Rai "Il paese dei campanelli". Nel 1973, l'esordio al doppiaggio: sarà la voce di "Grisù il draghetto" e di Johnny Whitaker in "Tre nipoti e un maggiordomo", di Andrea in "Kiss me Licia" e di Mowgli ne "Il Libro della giungla". Con il personaggio di Goku adulto, doppiato nelle serie "Dragon Ball Z" e "Dragon Ball GT", arriva il definitivo successo. Il suo nome è nella storia del doppiaggio italiano e dell'animazione. È morto nel 2005 a soli 54 anni all'ospedale San Raffaele di Milano per complicazioni dovute a un'ostruzione delle vie biliari.