È morto Ken Osmond. L'attore aveva 76 anni. Nato nel 1943, conquistò la fama quando era ancora un bambino. Nel 1957, infatti, iniziò a interpretare il personaggio che gli sarebbe valso l'affetto del pubblico: Eddie Haskell nella serie televisiva Il carissimo Billy (titolo originale Leave it to Beaver). Eddie era un bambino monello, miglior amico del protagonista Wally Cleaver, interpretato da Tony Dow. La serie, trasmessa negli Stati Uniti dal 1957 al 1963, venne trasmessa in Italia dalla Rai negli anni '60.

Ignote le cause della morte, forse problemi respiratori

La notizia della morte di Ken Osmond è stata data da Variety. Al momento non sono note le cause che hanno portato al decesso dell'attore. Negli anni '70, aveva lasciato la recitazione per entrare nel Dipartimento di Polizia di Los Angeles. Proprio uno dei suoi ex colleghi, Henry Lane, ha fatto sapere che Osmond soffriva di problemi respiratori. Uno dei due figli, Eric, in un breve comunicato ha assicurato che l'uomo è stato circondato dall'affetto della sua famiglia anche nel momento della morte: "Era un padre meraviglioso e incredibilmente gentile. La sua famiglia era riunita attorno a lui quando è morto. Era molto amato e ci mancherà tanto".

La carriera di Ken Osmond, prima attore poi poliziotto

Dopo la serie tv Il carissimo Billy, Ken Osmond ha preso parte anche al film del 1997 Ci pensa Beaver, ispirato alla serie e diretto da Andy Cadiff. Inoltre, nel 1983, è stato realizzato un revival della serie intitolato The new leave it to Beaver. Sul set anche Eric e Christian, i suoi figli, che interpretavano i bambini di Eddie Haskell. Dopo la serie, ha recitato in commedie come I mostri, Petticoat Junction, ma è apparso anche nelle serie tv Lassie e Happy Days. Nel 1970, poi, ha deciso di lasciare la recitazione ed entrare nel Dipartimento di Polizia di Los Angeles. Negli anni '80, gli spararono tre volte mentre inseguiva un presunto ladro di auto. Il giubbotto antiproiettile e la cintura gli salvarono la vita, impedendo ai proiettili di penetrare nel corpo. Nel 1988, però, il suo percorso nella polizia si interruppe. Ken Osmond fu costretto a ritirarsi perché soffriva di depressione dovuta alla sparatoria vissuta sul lavoro. Oggi, la moglie Sandra Purdy e i figli Eric e Christian piangono la sua morte.