Era considerato il "dottore" per eccellenza, forte di una grande presenza scenica e di una simpatia inimitabile. Era John Wesley, popolare protagonista di tantissimi film e serie televisive degli anni '70 e '80, soprattutto protagonista con il ruolo del Dr. Hoover in "Willy, il principe di Bel Air", al fianco di Will Smith. Gli Stati Uniti d'America oggi piangono la sua scomparsa. Aveva 72 anni, è morto dopo una lunga battaglia contro un mieloma. A darne notizia della scomparsa, i suoi familiari al magazine "Variety".

La carriera di John Wesley

Una carriera lunga più di 50 anni per John Wesley, punto di riferimento del cinema "black". Aveva lavorato ed era legato da un rapporto di solida amicizia con Morgan Freeman. Aveva recitato, tra gli altri, con Denzel Washington, Albert Finney, Barbra Streisand, James Spader. Era nel cast di "Fermati, o mamma spara" del 1992 con Sylvester Stallone. E ancora serie tv: "The Jeffersons", "Supercar", "JAG – Avvocati in divisa", "Merlose Place" e "NCIS – Unità anticrimine".

Aveva combattuto in Vietnam

Nato in Louisiana, laureato alla University of California, prima di diventare attore servì l'esercito americano durante la guerra del Vietnam. In diverse interviste, raccontò gli orrori di quella guerra. Una esperienza che ha poi portato con sé anche nella carriera d'attore. Non solo cinema e televisione per John Wesley, anche tanto teatro lavorando con Arthur Miller e girando il mondo con la sua arte.

La famiglia di John Wesley

John Wesley aveva una famiglia numerosa. Lascia una moglie, Jenny Houston, che ha firmato anche il comunicato della sua morte, sua madre, Hazel Baskin, le sue figlie, Kimiko Kamiel Houston e Kinshasha Houston, e i nipoti.