327 CONDIVISIONI
23 Marzo 2017
14:22

È morto Cino Tortorella, il mago Zurlì dello Zecchino d’Oro

Il padre fondatore della rassegna canora per bambini avrebbe compiuto 90 anni a giugno. Ha condotto Lo Zecchino d’Oro per 46 edizioni, ottenendo il guinness mondiale di presentatore più longevo della stessa trasmissione.
A cura di Andrea Parrella
327 CONDIVISIONI

La tv italiana piange la scomparsa di un volto storico del piccolo schermo: è morto Cino Tortorella, fondatore e conduttore storico dello Zecchino d'Oro, ai più noto come il mago Zurlì della rassegna canora per bambini. A giuigno avrebbe compiuto 90 anni. Vero e proprio monumento vivente dello spettacolo e della cultura italiana moderna, ha dedicato la sua vita professionale quasi interamente al mondo dei bambini. Conduce ben 51 edizioni dello Zecchino d'Oro (dalla prima fino a quella del 2003), imponendosi per il guinness mondiale di conduttore che ha presentato più edizione di uno stesso programma. E la sua sensibilità e attenzione per il mondo dei bambini viene in qualche modo confermata anche da altre esperienze televisive su reti private: negli anni è stato infatti direttore artistico di Bravo bravissimo, il noto programma di piccoli talenti condotto da Mike Bongiorno.

La sua carriera artistica inizia con le selezioni per la Scuola d'Arte Drammatica del Piccolo Teatro di Milano, fondata da Giorgio Strehler, dove viene scelto tra i 15 vincitori (su circa 1500 aspiranti). In quegli anni, grazie a una pièce teatrale promossa dallo stesso Tortorella, dal titolo Zurlì, mago Lipperlì, nasce lo storico personaggio che segnerà la sua esperienza allo Zecchino d'Oro. Da qui arriva la sceneggiatura del programma "Zurlì, mago del giovedì", andato in onda nel 1957, e nel 1959 e in seguito la manifestazione canora. Si tratta di quella che la critica televisiva più autorevole definirà la trasmissione per ragazzi più importante della storia della televisione italiana e da qui emergeranno anche talenti che hanno poi fatto strada nel mondo della musica nostrano. E non si può dimenticare come Tortorella sia stato per decenni spalla e sodale del famosissimo pupazzo Topo Gigio, creato nel 1959 da Maria Perego. La sua esperienza televisiva di lungo corso, tuttavia, non si limita al solo titolo dello Zecchino d'Oro. Quella di Cino Tortorella è una carriera che incrocia personaggi come Enzo Tortora, Beppe Grillo, Antonio Ricci.

Tortorella è inoltre padre di due figli, Davide e Chiara, che hanno proseguito la tradizione di famiglia iniziando giovanissimi a frequentare il mondo della televisione. Davide, nato dal primo matrimonio, è stato giudice in diversi programmi di Mike Bongiorno come Genius, La Ruota della Fortuna Il Migliore; mentre Chiara, nata dal secondo matrimonio di Tortorella, ha scelto un percorso più incline al mondo musicale, presentando programmi come Top of the Pops e lavorando in reti private come All Music.

327 CONDIVISIONI
Lo Zecchino d'Oro ricorda Cino Tortorella:
Lo Zecchino d'Oro ricorda Cino Tortorella: "Grazie mago Zurlì, questo non è un addio"
Ci lascia Cino Tortorella,
Ci lascia Cino Tortorella, "Mago Zurlì" della tv
540 di annacsab
Addio al
Addio al "Mago Zurlì" Cino Tortorella, la moglie: "Sposarlo era il mio sogno di bambina"
91.673 di Giampaolo Mannu
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni