Fabrizio Biggio, Andrea Delogu e Marco Giusti (Stefano Colarieti / LaPresse)
in foto: Fabrizio Biggio, Andrea Delogu e Marco Giusti (Stefano Colarieti / LaPresse)

Dopo vent'anni Stracult va in pensione e chiude i battenti. Lo dice Marco Giusti, mente, anima e fondatore del programma di Rai2 in un'intervista a Repubblica in cui spiega che la Rai non è intenzionata a continuare il rapporto lavorativo con lui, facendogli anche intuire che potrebbe continuare in un'altra forma, sicuramente con un'altra conduzione. Quella di lunedì 23 novembre sarà l'ultima puntata di Stracult, dunque. Per gli appassionati di Cinema  e Tv il programma è senza dubbio un cult, condotto in questi anni dallo stesso Giusti e da Andrea Delogu e Fabrizio Biggio che portano avanti un programma senza dubbio di nicchia, ma che dà spazio a film in uscita, b-movies e in generale chicche da scoprire.

Perché chiude Stracult

Alla chiusura avrebbero contribuito una serie di fattori: da una parte Giusti che ha raggiunto l'età per la pensione (ma questi sono particolari che spesso si superano facilmente, come sottolinea lo stesso Dipollina su Repubblica), dall'altra il Covid, che sta costringendo tutti a stringere la cinghia, mentre dei numeri pare non ne abbia parlato nessuno: "Non mi hanno chiesto nulla. E non mi hanno neanche parlato di ascolti. Che devo dire, se le cose si vogliono fare, si fanno: ma non mi sembra questo il caso" ha spiegato Giusti che ha anche sottolineato quanto la sua visione del mondo non converga sicuramente con quella dei vertici della seconda rete della Rai, spiegando che non ha molto senso continuare senza il suo nome.

Il dispiacere di Giusti

E in effetti Stracult è Marco Giusti, i loro nomi sono strettamente legati, senza considerare, come spiega l'autore stesso, che con il programma è stato dato spazio a nomi come quelli di Max Giusti, Lilo e Greg e la stessa Delogu. Da anni, quindi, Stracult pesca per appassionati e amanti del Cinema perle nascoste, ma non solo, perché sarebbe riduttivo lasciarlo alla nicchia: "Abbiamo un archivio pazzesco che adesso rischia di diventare inutilizzato e tremo al pensiero che possa finire per sempre in una cantina o magari gettato via (…). Presentiamo a ogni puntata i migliori film in uscita, RaiCinema intanto produce a tutto spiano con il paradosso che la Rai non avrà più un vero programma dove si parla dei film (…). Ci chiudono, buon per loro. Ma vorrei capire perché, e non ci riesco".