172 CONDIVISIONI
5 Novembre 2013
21:48

Daniela, ragazza bulgara picchiata e umiliata dalla sua padrona

Pablo Trincia si occupa dell’assurda situazione di una ragazza bulgara che viene maltrattata fisicamente e verbalmente dalla sua datrice di lavoro, a tutti gli effetti una padrona.
A cura di A. P.
172 CONDIVISIONI

Pablo Trincia ha raccontato la storia di Daniela a Le Iene, una ragazza bulgara malmenata e costantemente maltrattata dalla sua datrice di lavoro. Con una telecamera nascosta mostra gli attacchi verbali della donna, che chiama negro di m…a l'altro ragazzo Sri Lankese che lavora in casa. Per non parlare degli attacchi a lei: "Brutta tr..a/pezzo di deficiente/cretina". Da qui all'attacco fisico passa poco. Quando Daniela prova a rispondere calmandola e dicendole che non deve fare così, che non deve malmenarla, lei risponde tranquilla che non è vero: "Dove sono i testimoni?". La situazione di Daniela è tremenda, la donna non fa che attaccarla e insultarla, picchiandola nel frattempo. Ecco i segni che le lascia sulle braccia e non sono i soli, perché la attacca anche al collo.

La donna le rinfaccia di strapagarla, ma Daniela lavora quattordici ore al giorno per 880 € mensili. Poi Trincia, alla fine del primo mese di lavoro, riceve un sms di Daniela che dice: "Finalmente mi ha pagato, ora scappo, venitemi a prendere". Per lei è la fine di un incubo. E la donna le ha dato anche meno di quanto le spettasse. Poi Trincia va dalla donna, che nega, manco a dirlo, di aver insultato e picchiato Daniela.

172 CONDIVISIONI
Rimosso il video di Daniela, la domestica bulgara maltrattata dalla sua "padrona"
Rimosso il video di Daniela, la domestica bulgara maltrattata dalla sua "padrona"
Pablo Trincia de Le Iene: “Daniela ha denunciato la signora che la maltrattava”
Pablo Trincia de Le Iene: “Daniela ha denunciato la signora che la maltrattava”
Il cane che chiede un abbraccio al padrone
Il cane che chiede un abbraccio al padrone
58.155 di ViralVideo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni