Classe 1973, Ivan Castiglione in realtà è considerato un giovanissimo per il mestiere dell'attore e per il mondo del lavoro in generale, almeno nella sua contemporanea accezione. La seconda giovinezza a cui allude il titolo è quella di una meritata e sempre meglio cadenzata presenza in storie pensate e prodotte per il pubblico generalista. È stato Fausto Nubila nella puntata d'esordio della seconda stagione de "I Bastardi di Pizzofalcone" e presto lo vedremo sulle reti Mediaset per un'altra seconda stagione molto attesa: "Rosy Abate" con Giulia Michielini, produzione che ha spostato il suo set a Napoli. Nella serie prodotta da Taodue, spin-off di Squadra Antimafia – Palermo oggi, Ivan Castiglione interpreterà il ruolo di Barone.

Nei panni di Roberto Saviano

Ma quello di Ivan Castiglione è un nome tutt'altro che sconosciuto tra gli addetti ai lavori. A lui onori e oneri di portare per la prima volta assoluta in scena "Gomorra" a teatro, interpretando proprio il punto di vista di Roberto Saviano. Prima della serie tv, prima del film di Matteo Garrone c'è stata infatti l'opera teatrale di Mario Gelardi nel 2007. Un sodalizio particolare con lo scrittore anti-camorra e con il drammaturgo che si concretizza ancora con "Santos" e "La paranza dei bambini". Teatro a Napoli come in Scozia: Castiglione è stato il primo attore italiano scelto per lavorare al Teatro Nazionale Scozzese. Un piccolo ma particolare primato.

Scarlett alla Festa del cinema di Roma

La seconda giovinezza di Ivan Castiglione sboccia anche alla prossima Festa del Cinema di Roma, dove sarà presentato in anteprima "Scarlett" opera prima di Luigi Boccia. Nel film con Castiglione anche Miriam Galanti e Loredana Cannata. È la storia di Giulia, scrittrice di successo che decide di mettersi in viaggio per risolvere una questione che le sta a cuore. Lungo il tragitto, come in un flusso di coscienza, la sua autovettura sembra prendere il controllo su di lei obbligandola a commettere delle azioni oltre la follia. Ottime premesse per un film che vuole cercare di trovare nuove strade nella narrazione. Anche qui, Castiglione c'è.