La serata televisiva di giovedì 31 maggio è stata caratterizzata da un rimprovero a distanza tra Corrado Formigli ed Enrico Mentana. Il conduttore di ‘PiazzaPulita‘ – programma di approfondimento di La7 – non ha preso bene il ritardo con il quale Enrico Mentana gli ha dato la linea. Così, lo ha bacchettato in diretta.

Il motivo del rimprovero di Formigli a Mentana

La giornata di giovedì 31 maggio si è rivelata cruciale per la formazione del governo M5s-Lega. Giuseppe Conte è stato chiamato a coprire la carica di Presidente del Consiglio e in serata ha presentato la lista dei ministri. Il momento politico concitato ha portato Enrico Mentana, direttore del Tg La7, a dilungarsi nella conduzione dello speciale #MaratonaMentana, sforando di oltre mezz'ora. Corrado Formigli, che attendava la linea per dare il via a una nuova puntata di ‘PiazzaPulita', non l'ha presa bene.

Corrado Formigli si scusa per il ritardo

Una volta ottenuta la linea da Enrico Mentana, Corrado Formigli non ha nascosto il proprio fastidio. Ha rimarcato subito il ritardo con il quale si è visto costretto a cominciare: "Alleluia, eccoci qua, grazie a Enrico Mentana per questi trentacinque, quaranta minuti di ritardo". Il pubblico lo ha sostenuto e ha iniziato a rumoreggiare. Il giornalista ha invitato gli spettatori presenti in studio a calmarsi, poi si è scusato con gli ospiti e con il pubblico: "Calma, calma, calma. Mi scuso innanzitutto con il pubblico a casa perché ‘PiazzaPulita' comincia alle 21:15. Mi scuso perché è un atto che mi ha messo un po' in imbarazzo con i nostri ospiti che saluto".

La frecciatina a Enrico Mentana

Prima di passare a parlare della formazione del nuovo governo, ci ha tenuto a fare una precisazione. Il conduttore di ‘PiazzaPulita' ha rimarcato di aver dato notizie in diretta per anni e ha dunque chiarito che anche lui sarebbe stato in grado di seguire gli avvenimenti politici della serata in tempo reale:

"Dico soltanto che ovviamente questo ritardo non è dipeso da noi, è dipeso da una scelta della rete. Vorrei comunque ribadire alla rete e a Enrico Mentana che sono parecchi anni che ci occupiamo di notizie e che le seguiamo in diretta. Siamo abituati a darle in diretta e ne siamo molto orgogliosi. Bene, queste però sono cose tra di noi. Le cose importanti sono quelle che riguardano l'Italia".