L'arrivo del Coronavirus in Italia ha destato particolare preoccupazione, soprattutto in seguito alla velocità con cui si sta verificando il contagio. Proprio per garantire una copertura di informazioni e notizie che sia quanto più precisa e dettagliata possibile, la Rai ha deciso di intensificare gli approfondimenti dedicati alla trattazione dell'argomento, cambiando qualcosa nel consueto palinsesto televisivo.

I cambiamenti nel palinsesto Rai

Secondo quanto dichiarato dall'ufficio stampa della televisione di Stato, già nel pomeriggio di oggi, domenica 23 febbraio, sono previste delle modifiche relative alla messa in onda di alcuni programmi, a partire dalla rete ammiraglia. Oltre al continuo aggiornamento di notizie a cui possiamo assistere sul canale RaiNews 24, ci saranno degli spazi di approfondimento, appositamente dedicati al Coronavirus. A partire da questo pomeriggio, il programma "Mezz'ora in più" di Lucia Annunziata trasmesso su Rai3 andrà in onda fino alle ore 17.00 e verranno riportate le novità relative alla diffusione del virus in Italia, tra gli ospiti ci saranno il  Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il membro del comitato esecutivo dell'Oms Walter Ricciardi, il responsabile scientifico dell'Ospedale Spallanzani Giuseppe Ippolito, la virologa Ilaria Capua, il direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana e il geologo Mario Tozzi.

Le edizioni speciali del Tg

Dalle 17 alle 17.35 ci sarà una nuova edizione del Tg1, con uno Speciale Tg1 nel quale assisteremo ai collegamenti in diretta con la Protezione Civile di Roma, e anche dalle zone interessate dal contagio. Nella serata di Rai2, invece, lo spazio dedicato al Coronavirus rientra nella prima parte della trasmissione "Che tempo che fa", ospiti di Fabio Fazio saranno il virologo Roberto Burioni e il presidente della Regione Lombradia, Attilio Fontana. In ora più tarda, invece, dalle ore 23.35 tornerà il Tg1 con un nuovo speciale con collegamenti in diretta da Codogno e da Vo' Euganeo, i due focolai del virus in Italia, ed interventi in studio di esperti di epidomiologia.