Clizia Incorvaia torna a parlare alle telecamere di Barbara d'Urso, per raccontare gli sviluppi di una vicenda che aveva tenuto banco sui giornali la scorsa estate, vale a dire la sua separazione da Francesco Sarcina, aggravata da notizia di stampa come quella eclatante in cui il cantante de Le Vibrazioni accusava Clizia Incorvaia di averlo tradito con l'amico Riccardo Scamarcio. A Live – Non è la d'Urso Incorvaia ha parlato degli effetti di questa vicenda sulla sua vita:

Barbara in seguito alla nostra intervista sono stata sommersa dai messaggi di tante signorine che avevano avuto storie più o meno profonde con mio marito. Lui ha venduto sua moglie ai giornali, io sono stata insultata per mesi e ora non sto più zitta. Sono due anni che subisco violenza psicologica, mi diceva che il mio lavoro faceva schifo, che io non potevo uscire con lui perché distoglievo attenzione al gruppo. Mia figlia l'ho sempre protetta

Alcune settimane fa Incorvaia era stata ospite della trasmissione di Canale 5 per raccontare cosa fosse accaduto nelle settimane appena successive al ‘tornado' mediatico che l'aveva travolta: “Ho subito due anni pesantissimi, che non auguro a nessuna donna sulla Terra, i più brutti della mia vita. Sono stata danneggiata da punto di vista psicologico, morale, della sessualità. Ho vissuto due anni sola a casa, con mia figlia Nina, l'ho cresciuta sola tipo ragazza madre. E lui ogni giorno in giro, fuori fino alle sei di mattina. Lui fa i tour solo d'estate. D'inverno aveva una cena di lavoro ogni sera, dal lunedì alla domenica. Io da cretina credevo sempre. Poi mi arrivavano le segnalazioni". Per poi aggiungere:

Lui denigrava il mio lavoro nella moda, mi lasciava fuori dagli eventi. Toglievo attenzione alle Vibrazioni e non potevo uscire con loro. Andava ai party e mi arrivavano segnalazioni su Instagram di ragazze che erano state con lui. Ho trovato delle chat su Facebook con le fan, di lui che scriveva a ragazze italiane, chiedendo in cambio materiale pornografico e incontri. Ho tutto conservato.