Giona Motta, da Bergamo, laureato in fisica delle alte energie, è stato uno dei concorrenti nuovi di "Chi Vuol Essere Milionario?", nella puntata del 1 ottobre 2020. Appassionato agli studi scientifici, ma non solo. In particolare, a 17 anni, giovanissimo, ha preso il brevetto sportivo di volo: "Avrei voluto fare il pilota e sono stato a Firenze, all'aeronautica". Giona è arrivato accompagnato dalla sua famiglia, suo padre è presente in studio, sua madre e suo fratello, dietro lo studio. Il suo obiettivo è "pragmatico": "Pagare l'affitto a Parigi, che costa molto. Io studio fisica non per guadagnare, ma per passione. E mi piacerebbe aiutare associazioni del territorio, quello per me sarebbe importante". 

Il percorso di Giona Motta

Esperto in fisica, il concorrente si è ritrovato anche a rispondere a una domanda inerente alle sue attudini. "Che cosa produce oltre la metà dell'ossigeno che tutti gli esseri viventi della Terra consumano?". Tra le risposte possibili: gli oceani, l'Himalaya, il Sahara e le foreste pluviali. Il concorrente voleva puntare sulle foreste pluviali, poi ha chiesto l'aiuto del 50 e 50 che gli ha tolto proprio quella risposta. Ha scelto gli oceani ed è andato avanti. Dopo una domanda sulla retromarcia della Ferrari, arriva una domanda trabocchetto sulla ‘piada romagnola'. Era difficile perché c'era Samuele Bersani tra le alternative – autore della canzone "Freak!" in cui si parla di ‘piadina romagnola', ma la domanda giusta era Giovanni Pascoli che ha scritto "La Piada". Risposta giusta anche in questo caso: il concorrente ha proseguito la sua corsa.

La domanda sul bonsai

Qual è il significato di Bonsai? Questa è la domanda nella quale Giona Motta ha piazzato il suo traguardo. La risposta giusta era "Piantato in vaso piatto" e si è conquistato l'assegno da ventimila euro: un traguardo garantito. "Due anni di affitto garantito a Parigi", ha esclamato.