Dmitry Borisov, conduttore della televisione russa la cui trasmissione (Pust' govoryat) è stata protagonista del caso mediatico montato sulla somiglianza tra Olesya Rostova e Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, si difende in un’intervista rilasciata a RTL 102.5. Il presentatore torna sul caso che tante polemiche ha suscitato in Italia. Nel mirino la gestione del caso dell’identità di Olesya Rostova gestito dalla televisione russa come se si trattasse di un reality show. “La cosa importante è che Oleysa trovi la felicità, esaudendo il suo desiderio che è una cosa molto seria: è spettacolare se trovasse la sua famiglia, ma non sicuramente spettacolo. La tv deve essere al servizio del cittadino”, dichiara il conduttore nella sua intervista in Italia.

Dmitry Borisov: “Cerchiamo di aiutare quelle famiglie”

Borisov si esprime inoltre sui sentimenti che un caso diventato tanto mediatico ha suscitato in Piera Maggio, madre di Denise: “Sarei dispiaciuto in egual modo per tutte quelle famiglie che hanno pensato fosse un suo parente, noi abbiamo solo cercato di aiutarle. Io se tornassi indietro rifarei tutto”. Qualche ora fa si era scusato con la famiglia di Denise.

Dmitry Borisov
in foto: Dmitry Borisov

Olesya Rostova non è Denise Pipitone

Olesya Rostova non è Denise Pipitone. La ragazza che si è rivolta alla televisione russa per cercare la madre, sostenendo di essere stata rapita quando era una bambina, ha confrontato il proprio gruppo sanguigno con quello di Denise, elemento che ha consentito di stabilire che tra le due non esiste alcuna connessione. La puntata di “Pust' govoryat” è andata in onda esattamente come Fanpage.it aveva anticipato ore prima, descrivendo con dovizia di particolari quanto sarebbe accaduto durante il confronto tra l’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, e il conduttore Dmitry Borisov, compreso lo sgomento manifestato dal legale e il riscontro circa la mancata corrispondenza tra i profili di Denise e Olesya.