Carolyn Smith è intervenuta come ospite nella nuova puntata di Domenica Live. Nel salotto di Barbara D'Urso, l'inflessibile giudice di Ballando con le stelle ha raccontato la sua difficile battaglia personale con un cancro al seno, che ha sconfitto all'inizio di quest'anno. Attiva sui social la Smith ha sempre parlato apertamente della sua malattia, spronando ad affrontare problemi così gravi conservando il sorriso e l'ottimismo.

Carolyn Smith invita la D'Urso a Ballando con le stelle

Prima dell'intervista, la Smith ha stravolto la scaletta invitando la D'Urso come ospite a Ballando con le stelle: "Voglio prima fare una sorpresa io a te. Ti invito ufficialmente, a nome della trasmissione e di Milly Carlucci, come ballerina vip per una notte". La conduttrice evidentemente non se l'aspettava, ma ha accettato, compatibilmente con il permesso di Mediaset: "Piersilvio Berlusconi probabilmente è svenuto. Se me lo permetteranno, sarà un onore venire". Poco dopo, la D'Urso ha offerto un'anticipazione di una sua eventuale partecipazione, cimentandosi in alcuni passi di ballo latinoamericano sotto lo sguardo della stessa Smith.

Il cancro, scoperto grazie ai suoi cani

Lo scorso febbraio, Carolyn dichiarava di non avere più il cancro, nonostante il pericolo di una recidiva sia sempre in agguato. Era il culmine di un lungo percorso che per lei è stato un vero e proprio calvario. A Domenica Live, ha spiegato di aver saputo di essere malata grazie ai suoi adorati cagnolini:

Faccio controlli una volta l'anno, non ho avuto mai problemi. A maggio 2015, è successa una cosa: grazie ai miei due yorkshire che un giorno continuavano a giocare vicino al mio seno, ho capito che c'era qualcosa che prima non c'era. Era un tumore. Io do retta ai miei cani, specialmente al maschietto Scotty: ogni volta che avuto un nuovo problema, una complicazione durante la malattia, lui me l'ha fatto capire prima annusandomi il seno.

Il dolore per la morte del padre

Il lungo percorso della Smith è stato funestato da un lutto terribile. Proprio mentre era nella fasi più difficili della malattia, l'insegnante di danza, che già aveva perso la madre e una sorella, morta di cancro, ha dovuto affrontare la morte del padre, anche lui scomparso per un tumore. Il dolore più grande è stato non poter neppure andare al suo funerale, che coincideva proprio con un delicato intervento.

A Londra c'è purtroppo la lista d'attesa e gli hanno fatto il funerale dopo un mese. Proprio quel giorno ho dovuto sottopormi a un'altra operazione. Ho supplicato di spostarla per andare al funerale, i medici mi hanno detto che non sapevano se sarei riuscita ad arrivarci. Il funerale si è svolto all'una, la stessa ora del mio intervento. Per me è stato devastante, sono stata al funerale di tutti i membri della mia famiglia tranne mio padre. Per fortuna il prete, che conosco, ha registrato tutta la cerimonia e me l'ha mandata, così sono riuscita a vederla.