L’indiscrezione pubblicata da Chi ha del clamoroso: Carlo Conti potrebbe a breve lasciare la Rai e passare a Mediaset. Per il momento ci troviamo nel campo delle indiscrezioni, ma secondo il settimanale diretto da Alfonso Signorini qualcosa in tal senso starebbe cominciando a muoversi. Difficile da credere, se non fosse per l’attendibilità della fonte che pubblica l’indiscrezione. Sul magazine si legge: “Potrebbe essere il colpaccio della prossima stagione tv: Carlo Conti avrebbe deciso di lasciare la Rai e cedere al corteggiamento del ‘Biscione'. Le sue recenti apparizioni in Mediaset sarebbero un'ulteriore conferma. Con sé il conduttore porterebbe via il suo storico gruppo di autori”.

Mediaset aveva già avanzato una proposta a Conti

Volto storico della Rai dal 1985, Conti aveva già ricevuto una proposta da parte di Mediaset qualche anno fa. Fu lui stesso a confermarlo, aggiungendo di avere già rifiutato in quella sede di passare alla concorrenza: “Me lo chiesero molti anni fa: aggiungevano uno zero al mio contratto, 100 milioni di lire diventavano un miliardo. Ma non avevo capito quel che andavo a fare. Meglio crescere poco per volta”. Difficile immaginare che adesso le condizioni siano cambiate, soprattutto in considerazione della posizione di prestigio di cui Conti gode nella televisione pubblica.

Nel 2017 arrivò un’ulteriore smentita

Sempre Conti in pieno periodo sanremese nel 2017 si vide costretto a smentire l’ennesima indiscrezione circolata a proposito di un suo passaggio alle reti commerciali. Quando Dagospia pubblicò  la notizia di un imminente spostamento, il conduttore si vide costretto a smentire: “È più facile che uno di quegli alieni degli spot arrivi a Sanremo che io traslochi a Mediaset. È fantascienza. Quando un matrimonio va bene perché cambiare? Poi, diciamo la verità, a me tutte ‘ste proposte non sono mai arrivate e anche se arrivassero, quando ti trovi in sintonia con l’azienda in cui lavori, perché dovrei cambiare?”. Da quel momento nulla sarebbe cambiato, anzi, la posizione di Conti in Rai si è andata rafforzando. A meno di un’altra smentita, sarà il tempo a chiarire le intenzioni del toscano: il contratto che lo lega alla Rai scadrà a giugno 2019.