video suggerito
video suggerito

Bruno Arena: ecco quali sono le sue condizioni di salute

A Bruno Arena è tornata la grinta, lotta per tornare alla normalità, beve da solo, accende le luci e mangia con la mano sinistra; questi i miglioramenti che ha svelato a “Di Più” Max Cavallari dei Fichi d’India.
A cura di Fabio Giuffrida
111 CONDIVISIONI
Immagine

A Di Più è intervenuto Max Cavallari, comico dei Fichi d'India, che nei giorni scorsi ha ammesso di aver passato "l'estate più brutta della sua vita" dal momento che Bruno Arena è stato colpito da un'emorragia cerebrale. Al momento il comico è in cura presso un centro di riabilitazione specializzato e il prossimo 14 Settembre gli sarà dedicata un'intera serata che si terrà a Milano presentata da Claudio Bisio e Katia Follesa. Max Cavallari ha poi dato alcuni dettagli sullo stato di salute del comico dei Fichi d'India:

L'ictus ha lasciato i segni: al momento la parte destra del suo corpo non ha sensibilità e Bruno non parla. Da quando l'hanno trasferito in una clinica specializzata nella riabilitazione, le sue condizioni migliorano di giorno in giorno: segue i discorsi, capisce e non sta più fermo in un letto, ha preso a muoversi con la sedia a rotelle. Ora non si alimenta più con la flebo […] Gli è tornata la grinta che avevo perso. Lo vedo che lotta, si sforza per esempio a bere da solo, prova ad accendere le luci, a mangiare con la mano sinistra: frullati, pasti liquidi di facile assimilazione, cerca anche di masticare. Sua moglie Rosy le dà coraggio risposandolo ogni giorno.

Max Cavallari e Bruno Arena ancora molto uniti, sperando che un giorno possano tornare a lavorare e a sorridere insieme:

L'altro giorno gli ho dato un lecca lecca e lui, per farmi capire che riconosceva i sapori, ha fatto un verso di approvazione. Poi mi ha preso le mani e mi ha toccato la fede e ho capito che voleva sapere di mia moglie […] Poi mi ha buttato giù lo schizzo di due bambini circondati da giocattoli e ho capito che voleva sapere come stavano i miei figli. Quel disegno lo conserverò per sempre, lo guardo quando sono giù, quando la mattina provo il peso di fare il mio lavoro senza Bruno.

111 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views