11 Agosto 2013
16:00

“Break The Safe della BBC è un programma fasullo” la denuncia di due concorrenti

Due concorrenti, Helen Griffiths e Rina Evans, hanno svelato dei retroscena del programma Break The Safe, in onda sulla BBC. Dopo aver registrato una puntata del programma, sono state richiamate per registrare un nuovo finale con nuove regole, che toglievano loro il diritto alla vittoria di 22 mila pound.
A cura di Daniela Seclì

Il mese scorso sono piovute critiche sulla BBC a causa del programma "Top Gear". Il format è stato additato come un qualcosa di preparato a tavolino, con tanto di comparse, figuranti, attori e stuntman professionisti, che mettono in scena varie situazioni, presentate agli spettatori come reali. Anche questo mese, la rete rischia di trovarsi sommersa dalle polemiche. Nelle scorse ore, lo show "Break the safe" è finito nell'occhio del ciclone.

Due concorrenti, Helen Griffiths e Rina Evans, hanno svelato dei retroscena al Daily Mail. Il programma è molto seguito, in quanto collegato alla lotteria nazionale. Le due donne, sono state richiamate in redazione, due giorni dopo aver filmato l'intera puntata.

"Il giorno dopo aver registrato la puntata, abbiamo ricevuto una chiamata da Stuart Harrison, il produttore. Ci ha detto che hanno capito che il format era troppo complicato e quindi volevano cambiare il regolamento. Per fare ciò, ha detto che aveva bisogno che noi tornassimo a Glasgow quella notte – che era l'ultima cosa che avevamo voglia di fare.Ha poi precisato al telefono, che non dovevamo dirlo a nessuno"

Sono state invitate a presentarsi vestite, truccate e con i capelli sistemati allo stesso modo in cui comparivano durante la prima registrazione. Rina ha affermato che degli esperti si sono occupati di loro per ore, pur di ricreare lo stesso aspetto che avevano due giorni prima.

"I truccatori e i parrucchieri, avevano delle nostre foto, fatte sul set due giorni prima, in modo da farci apparire nella stessa maniera. Hanno trascorso ore, cercando di riuscirci"

La regola da cambiare. Entrambe le concorrenti disponevano di un pulsante da schiacciare e una volta avuto accesso alla finale, dovevano premere il proprio bottone nello stesso momento per vincere l'intero montepremi. Durante la prima registrazione, solo Helen era riuscita a schiacciarlo e quindi persero i £44 mila accumulati. Ma la produzione ha poi ammesso che la regola rendeva impossibile la vittoria e così hanno pensato di modificarla.

La nuova regola implicava che bastasse che un solo concorrente premesse il pulsante al momento giusto, per vincere metà del premio. Dunque, dato che Helen era riuscita nell'intento, le due amiche avevano diritto a £ 22 mila. Ma le cose sono andate diversamente. Helen e Rita erano convinte di dover registrare solo la scena finale, per mostrare agli spettatori le nuove regole:

"Secondo la nuova regola, noi avevamo vinto la prima volta, così pensavamo che volessero solo registrare la scena finale per mostrare la nostra vittoria. Invece ci hanno costrette a rifare l'intero round finale. Hanno continuato a ripeterci ciò che potevamo dire e ciò che non dovevamo far trapelare. E' stato fatto davanti ad un pubblico di massimo 50 persone. Tutta la mattina si sono lamentati di essere nel panico, perché non riuscivano a trovare persone da far sedere nel pubblico. Hanno chiamato amici e familiari e altri sono stati presi dalla strada. L'intera atmosfera era fasulla. Ci siamo sentite usate."

Il risultato? E' stata montata la prima registrazione, con il finale ottenuto nel secondo giorno di registrazioni. Le due amiche, che ritenevano valido il primo finale che con la nuova regola dava diritto a £22 mila, sono rimaste a mani vuote. La BBC ha negato qualunque illecito e ha sostenuto che la puntata si è attenuta alla loro linea editoriale.

I Beatles, in uscita il nuovo album
I Beatles, in uscita il nuovo album "Live at the BBC Volume 2"?
"Ci hai truffato", concorrente di The Apprentice riconosciuto in tv
break to the future
break to the future
165 di theJackal
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni