Bianca Berlinguer, la conduttrice di "Cartabianca",  è stata ospite del giorno a "Vieni da me". Nella popolare trasmissione condotta da Caterina Balivo, la giornalista si è raccontata tra carriera e vita privata. Una lunga gavetta prima di trovare il suo posto nel giornalismo che conta: "Quando decisi di fare giornalismo non considerai mai la televisione". I primi passi sotto la direzione di Giovanni Minoli: "Cercava quattro ragazzi giovani per la sua redazione. Ho cominciato a lavorare con lui e fu un privilegio perché imparavo i trucchi e i dettagli della televisione". 

Il rapporto con suo padre

Non si poteva non parlare del suo rapporto con suo padre, l'ultimo vero leader del Partito Comunista Italiano, Enrico Berlinguer. Descritto come un uomo sempre impegnato, Enrico Berlinguer è stato comunque un faro per la crescita di Bianca:

Lui era presente per quanto poteva. Era dedito alla causa della politica, noi però sapevamo che c'eravamo noi dopo il suo lavoro. Non ho mai visto i padri delle mie amiche dedicare più tempo rispetto a quello che lui ha dedicato a noi e alla sua famiglia. Te ne rendi conto solo da adulta. Erano gli anni del terrorismo, non poteva fare un passo senza la scorta. Tornavo da scuola e l'ho trovato sotto casa da solo, mi chiese di accompagnarlo alla scuola dei miei fratelli e ci andammo in motorino. Quando tornammo c'era la scorta sotto casa, preoccupatissima.

La figlia di Bianca Berlinguer

Bianca Berlinguer è madre di una figlia, Giulia Manconi, classe 1988, nata dal matrimonio con il politico e sociologo Luigi Manconi. Non ha mai voluto raccontare la sua sfera privata, non lo ha fatto nemmeno in occasione della intervista odierna. Però sulla maternità ha detto: "Mi pento di aver avuto soltanto una figlia. Se potessi tornare indietro farei il secondo figlio".