Barbara Palombelli è la protagonista della puntata di ‘Belve‘ in onda venerdì 14 giugno su Nove. La giornalista si è raccontata ai microfoni di Francesca Fagnani, riportando alla luce degli episodi spiacevoli del suo passato. La moglie di Francesco Rutelli, infatti, sarebbe stata vittima di molestie più di una volta e un'occasione sarebbe stata più grave delle altre. La Fagnani, allora, le ha domandato: "Una sera che tornava a casa, il suo accompagnatore aveva intenzioni decisamente diverse dalla sua. Lei non si è mai sentita di fare i nomi e di denunciare al tempo. Si pente di non aver denunciato?”.

Perché non ha denunciato chi l'ha molestata

Barbara Palombelli, come è possibile vedere nel video in alto, ha dichiarato di non aver denunciato coloro che l'hanno molestata: "No, no, non mi pento di non aver denunciato. È parte della mia vita privata. Mi piace che ci siano persone che denunciano. Secondo me, però, le denunce andrebbero fatte non entro i sei mesi che dice la legge, ma entro un mese forse”. Alla base della sua decisione di non ricorrere alle vie legali, ci sarebbe la convinzione che spesso denunciare porti a delle conseguenze per la stessa vittima. Il volto di ‘Forum', infatti, ha dichiarato: "Purtroppo ho visto che tutte le persone che hanno denunciato poi sono diventate doppiamente vittime, anche negli ambienti di lavoro. Quindi per carità, no".

I suoi molestatori farebbero finta di niente

Francesca Fagnani, allora, le ha chiesto se abbia mai più incontrato le persone che l'hanno molestata. Barbara Palombelli ha annuito. Si sarebbe imbattuta in loro innumerevoli volte. Nessuno di quegli uomini, tuttavia, avrebbe manifestato imbarazzo. Si sarebbero limitati tutti a far finta di niente: "Come no, certo che li ho incontrati. Migliaia di volte. Se si sono sentiti in imbarazzo con me? No, fanno finta di niente, assolutamente".