Nelle ultime settimane ha colpito molto la storia di Andrea Vianello, il conduttore colpito lo scorso anno da un ictus che gli ha di fatto tolto la parola. Parole che è riuscito a ritrovare grazie a un lungo percorso di riabilitazione con un lungo percorso di logopedia che racconta nel suo libro, "Ogni parola che sapevo", di cui ha parlato da Caterina Balivo, ospite di "Vieni da me". Vianello ha specificato di voler allontanare da sé ogni traccia di presunto eroismo: "Chi finisce così non ha alternative – ha detto – Io ho tre figli, che cosa dovevo fare? O ci provavo, oppure non c'erano altre possibilità. Poi magari ci ho messo grande impegno, ma ho conosciuto persone che hanno avuto ictus e subito danni più importanti. A me è successo con la parola, ad altri in modo differente". 

La vicinanza della moglie Francesca Ceci

Il giornalista parla molto della sua famiglia e dell'enorme appoggio da loro ricevuto: "Mia moglie c'era, sapevo di poter contare su di lei. Chi ha avuto un ictus – in Italia purtroppo è la seconda causa di morte – sa che le famiglie sono importanti. Lo stato ti aiuta, ma senza le famiglie, chi ha avuto un ictus non può farcela". Arriva quindi una sorpresa inaspettata in studio, la moglie Francesca: "Lavora in Rai e ci siamo conosciuti nel '94, mettendoci insieme nel '95. Abbiamo festeggiato quest'anno i 20 anni di matrimonio".

Andrea Vianello non riusciva a pronunciare il nome della moglie

Francesco Romana Ceci, che lavora in radio ogni giorno, ha quindi parlato il calvario di quei mesi: "È bello poterlo raccontare con il sorriso […] Tenere tutto insieme è stato difficile, non dover mai cedere, non crollare mai, esserci sempre. Però alla fine è andata avanti, e anche velocemente, senza pensarci troppo". Anche perché le difficoltà nel parlare per Vianello si sono riversate anche sui suoi familiari:

Io non riuscivo a dire moglie, non riuscivo a dire Francesca. Mi sono messo, con i nomi dei miei tre figli e di Francesca e, con un po' di fatica, ce l'ho fatta.