Andrea Diprè, il critico d'arte diventato celebre in Rete per le sue interviste impossibili, propone il suo progetto politico con un unico punto in programma: "Trasformare l'utopia in realtà". Non si è capito ancora in che modo ma c'è chi teme possa portare con se' anche Paniccia e le sorelle Poliseno.

"Ecco il mio progetto politico", il nulla cosmico. Andrea Diprè scende in campo con un progetto "al di fuori di ogni logica" e come potrebbe essere diversamente per il critico d'arte diventato famoso in Rete per le sue trasmissioni che presentano veri e propri fenomeni da baraccone, dal critico Osvaldo Paniccia, l'artista senza voce, alle sorelle Poliseno, quelle che "hanno fatto sesso con gli UFO". Sta impazzando in rete il suo "messaggio alla Nazione", dove annuncia di candidarsi alle prossime elezioni, promettendo di essere "super partes" e di avere un solo punto in programma: "Trasformare l'utopia in fatto, in realtà". Non si è capito ancora come, però.