47 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Amici 2013: Emma Marrone più che un coach è una sorella maggiore

Durante il suo percorso come coach di Amici12, la cantante Emma Marrone sta dimostrando di privilegiare nettamente i ragazzi alle logiche di gioco. Ciò che per lei è prioritario è renderli protagonisti dando agli allievi più visibilità possibile, dimostrazione che non ha ancora scordato ciò che quella scuola ha rappresentato per lei.
A cura di Daniela Seclì
47 CONDIVISIONI
emma

A tre anni di distanza dalla sua vittoria ad Amici, Emma Marrone torna nelle vesti di coach. Sembra però non aver dimenticato la sua esperienza tra quei banchi. Lo si è notato sin dal principio, quando le squadre stavano per formarsi. Colpì il fatto che la cantante rinunciasse ad avere Marta nella sua squadra comprendendo che per lei sarebbe stata dura stare lontana dal suo Edwyn. “Ci sono passata anch’io” disse, riferendosi alla storia d’amore vissuta nella scuola con il ballerino Stefano De Martino. Era solo il primo segnale della maniera in cui Emma avrebbe assolto al suo ruolo di coach, privilegiando la tranquillità dei ragazzi rispetto alla competizione. Il suo approccio ai concorrenti, infatti, non è mai stato quello della maestrina che si erge al di sopra degli allievi.

Il comportamento di Emma non è cambiato con l’inizio del serale. La sua empatia con i ragazzi della squadra bianca non si discute. Lungi dal mettersi su un piedistallo, preferisce sedersi tra i suoi allievi, tener loro la mano durante la diretta e incoraggiarli. E’ chiaro che quella maglia la sente ancora addosso. E’ ammirabile che la sua premura più grande sia quella di dare visibilità ai ragazzi. Lo ha ribadito anche durante la puntata andata in onda ieri sera:

“Il mio obiettivo è far raggiungere ai ragazzi una dimensione professionale […] Al primo posto metto sempre la loro voglia di esibirsi.”

Alle strategie, dunque, preferisce dare spazio agli allievi che si stanno giocando un’occasione importante per fare della loro passione un lavoro. Autoironica e schietta durante la seconda puntata del serale è riuscita persino a rubare la scena a Luciana Littizzetto, per alcuni secondi, dicendo:

“Io me ne intendo di corna. Le so portare bene…scusate, vecchia ruggine”.

Dato l’esercito di artisti provenienti dai talent è piacevole vedere una ragazza che, nonostante sia molto amata e abbia già avuto le sue belle soddisfazioni lavorative, non si erge a “reginetta del ballo” ma decide di prendere per mano i ragazzi e accompagnarli lungo questa avventura.

47 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views