Prosegue lo scontro tra Amadeus e Morgan. Per adesso, continua sui giornali, dalle colonne di Libero dove il direttore artistico e conduttore del prossimo Sanremo parla per la prima volta di quello che è successo. La prima notizia bomba: "Non è vero che gli ho promesso un posto tra i Big". La seconda: "Mi ha proposto cinque brani, non erano giusti per il mio Festival". La terza: l'avvocato Piergiorgio Assumma ha invitato una diffida a Morgan per gli insulti e le minacce.

Le parole di Amadeus

Nella lunga intervista concessa a Fabrizio Biasin per Libero, Amadeus esprime per la prima volta il suo punto di vista, accusando apertamente Morgan di aver detto "tante cose non vere". Tra queste, il fatto di avergli fatto la promessa di riservargli un posto tra i 26 Big di Sanremo 2021: "Gli ho solo detto di mandare, se ce l’aveva, un brano da sottopormi. A lui come a tanti altri. Me ne ha mandati cinque. Ho ritenuto che non fossero giusti per il mio Festival".

Il commento sugli insulti di Morgan

Sugli insulti in privato, alcuni dei quali pubblicati dallo stesso Morgan, Amadeus fa sapere: "Meglio far finta di niente". E ancora: "Peccato. Perché a parlare di musica è bravissimo ma poi il dato di fatto è che si arrabbia con tutti". E si arriva alla questione Bugo:

Si è alterato solo perché ho chiamato Bugo. Ma il brano di Cristian è molto bello. Se avessi voluto fare un po’ di casino li avrei chiamati entrambi.

E ancora sul fatto che Amadeus non sia in grado di fare il direttore artistico di una kermesse che parla di musica

Non sono d’accordo. Un direttore artistico deve sapere cosa può funzionare e cosa no a prescindere dalla tecnica. Un direttore artistico ha una visione personale del suo Festival e sceglie seguendo i suoi criteri. E comunque non sempre un grande allenatore è stato un grande giocatore. Guarda Mourinho…

Le parole sul Festival di Sanremo 2021

Amadeus ha anche risposto alle polemiche di ha detto che ha scelto un cast di Big troppo giovane e di aver selezionato 26 canzoni, troppe per la tradizione festivaliera: "Ho voluto dare spazio alla musica. Anzi, alle canzoni ancor prima dei cantanti. Vorrà dire che chiameremo qualche ospite in meno. Faremo le due di notte ma, finale a parte, non oltre".