Giovanni Terzi, il compagno di Simona Ventura, ospite di Eleonora Daniele a "Storie Italiane" ha commentato la notizia della concessione degli arresti domiciliari a Davide Caddeo, il ragazzo condannato a nove anni di reclusione per aver accoltellato Niccolò Bettarini, il figlio della compagna: "Terrificante, Niccolò è vivo per miracolo". 

Le parole di Giovanni Terzi

Il fidanzato di Simona Ventura ha usato parole molto dure per commentare la decisione che ha accordato i domiciliari all'aggressore di Niccolò Bettarini.

È veramente terrificante. Niccolò è vivo per miracolo. Caddeo ha dichiarato di averlo accoltellato. Gli ha dato undici coltellate. Oggi è ai domiciliari perché si droga. È una vergogna, al di là del fatto che sia Niccolò Bettarini. È una vergogna che si venga messi ai domiciliari in maniera così semplice.

Una decisione che fa discutere

Davide Caddeo ha avuto la possibilità di scontare la pena agli arresti domiciliari con l'obbligo di svolgere attività lavorativa e curarsi presso una struttura per tossicodipendenti.

Va benissimo la rieducazione, ma non dopo un mese. Credo che purtroppo la giustizia stia facendo un grande errore, anche nella comunicazione. Noi abbiamo bisogno di credere nella giustizia e per crederci abbiamo bisogno anche che le pene vengano eseguite. Se le pene non vengono eseguite non riusciamo a credere che chi sbaglia paga.

I complimenti a Simona Ventura

"Simona? È una madre straordinaria". Così Giovanni Terzi ai microfoni di "Storie Italiane". Nel rispondere alle domande di Eleonora Daniele sulla reazione della conduttrice, Terzi non si è tirato indietro.

Simona?  una madre straordinaria quindi è evidente che sia sempre con il figlio. Vi chiedo di immaginare che cosa significhi ricevere una telefonata nella notte che ti dice che tuo figlio è tra la vita e la morte… e come questo possa essere vissuto. È una donna straordinaria, e lo dimostra in ogni cosa che fa.