video suggerito
video suggerito

A Le Iene le violenze in carcere: ‘Che ce ne frega dello Stato, qua comandiamo noi’

Matteo Viviani de Le Iene racconta la storia di Rachid, picchiato ripetutamente in carcere e che è riuscito a registrare alcune conversazioni con agenti e medici che sanno ma non denunciano.
227 CONDIVISIONI
Immagine

Con un servizio dal titolo ‘Lezioni di vita quotidiana' la iena Matteo Viviani affronta il problema delle carceri e delle violenze che si perpetuano in alcune di esse: il servizio mostra alcune registrazioni audio in cui un detenuto, Rachid, (condannato per violenza sessuale) ha registrato e reso note alcune discussioni con gli agenti di Polizia Penitenziaria del carcere di Parma.

Il detenuto ha dichiarato di essere stato ripetutamente picchiato mentre era in carcere ed è riuscito a dimostrare quelle che sono le regole carcerarie solo quando la moglie (‘Non è solo la botta che prendi ma è proprio il sistema che c'è dietro alle botte ad essere sbagliato') gli ha fatto avere un registratore, con cui l'uomo è riuscito a catturare discussioni in cui sia gli agenti che i medici se ne lavano le mani.

‘Qua in carcere comandiamo noi, né avvocati, né giudici. Qua i capi di stato siamo noi, che cazzo me ne frega a me del capo dello stato (…). Dal punto di vista della legge ho sbagliato, ma dal punto di vista mia no.

Le istituzioni non funzionano, dicono, e quindi la legge se la scrivono da soli: ‘Con gli stessi metodi (le violenze, ndr) abbiamo ottenuto ottimi risultati'. Ma il problema è che la copertura delle violenze avviene a più livelli, compresi quelli medici. Lo psicologo, infatti, a cui si rivolge Rachid gli consiglia di farsi i fatti suoi e accettare le cose come stanno, anche quando viene messo di fronte alla violenza di cui, dice, è a conoscenza:

Se rompo i coglioni qui mi complico la vita perché scrivono che non è vero (dicono che sei caduto dalle scale, che gli agenti si sono dovuti difendere). Non si riesce ad avere giustizia per il caso Cucchi, che è morto, figurati per te e poi anche per il direttore è una scocciatura.

Nonostante le pubblicazioni siano note da un anno e mezzo, nessuno degli agenti o dei medici ha avuto sanzioni disciplinari, anzi è stato richiesta l'archiviazione e anche il Ministro della Difesa Orlando ha spiegato che non può interferire con la Giustizia e che ha fatto tutto quello che poteva, lasciandosi sfuggire, dopo che l'inviato gli ha letto alcune frasi, che bisogna anche capirne il contesto.

227 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views