Nella puntata di ‘Domenica In‘, trasmessa il 20 gennaio, Mara Venier ha ospitato Stefano Zurlo. Il giornalista ha presentato il suo libro ‘Quattro colpi per Togliatti – Antonio Pallante e l'attentato che sconvolse l'Italia'. Zurlo ha intervistato l'uomo che il 14 luglio 1948 tentò, senza riuscirci, di uccidere il segretario del Partito Comunista Palmiro Togliatti:

"Sono riuscito a intervistare colui che 71 anni fa sparò a Togliatti. È ancora in giro, è ancora vivo, ha quasi 100 anni. Antonio Pallante finalmente si è convinto, a 96 anni d'età, a raccontarmi come arrivò a quella decisione. Lui, studente universitario, si era messo in testa che Togliatti fosse il nemico dell'Italia. Prese la pistola, dalla sua città Catania andò a Roma. Si piazzò davanti a Montecitorio per sparare a Togliatti. Realizzò l'attentato ma dato che erano pallottole comprate al mercato nero, per fortuna molto scarse e spuntate, Togliatti ha potuto raccontare quello che è successo perché è sopravvissuto all'attentato ed è vissuto a lungo. È morto nel 64".

Il commento di Mara Venier poi le scuse

Mara Venier, allora, ha pensato di salutare Antonio Pallante: "Noi lo salutiamo perché lui forse ci sta guardando. Perciò salutiamo Antonio Pallante e grazie a Stefano Zurlo". Il gesto di riguardo nei confronti di un uomo che all'età di 25 anni ha acquistato un'arma, ha esploso quattro colpi contro Togliatti e ha portato a termine (per fortuna senza successo) un attentato, ha suscitato grandi polemiche. La conduttrice, raggiunta da AdnKronos, si è scusata:

“Io ho soltanto salutato una persona molto anziana, di 99 anni. Chiedo scusa se qualcuno si è risentito. Sono molto dispiaciuta, ma vorrei fosse chiaro che la politica non c’entra nulla. Sono una persona spontanea, ma davvero non era mia intenzione prendere una qualsivoglia posizione".

L'indignazione di Rita Borioni

Dopo essere venuta a conoscenza dell'accaduto, la consigliera d'amministrazione della Rai Rita Borioni, ha espresso il proprio disappunto sui social: "Apprendo: a ‘Domenica In' su Rai1, la conduttrice, al termine della presentazione di un libro sull'attentato a Togliatti avvenuto nel 1948, manda un ‘saluto a Antonio Pallante (l'attentatore n.d.r.) che ci segue da casa'. È sconcertante. È sconcertante che non si sappia che Togliatti rischiò di morire, che l'Italia rischiò la guerra civile e che fu solo per la responsabilità dello stesso Togliatti che si evitarono disordini. È sconcertante come si scelga di buttare tutto ‘in caciara' e come un attentatore e potenziale assassino sia salutato come se fosse un simpatico telespettatore qualsiasi. Sono molto preoccupata per quello che sta succedendo in Rai. Molto preoccupata".

Francesco Verducci parla di "pagina miserevole"

Repubblica.it riporta le dichiarazioni di Francesco Verducci, senatore Pd e membro della Vigilanza Rai, che richiede un intervento del cda per chiarire "come sia avvenuta una tale scempiaggine": "Pallante è simbolo e artefice di una delle più drammatiche vicende della nostra Repubblica. Vederlo ‘sdoganare' da Rai1 nel contenitore nazionalpopolare per eccellenza è una pagina miserevole per il servizio pubblico e per il nostro Paese. Chiediamo alla direttrice di Rai1 Teresa De Santis, all'amministratore delegato Fabrizio Salini e al cda di intervenire per chiarire come sia potuta avvenire una tale enormità e scempiaggine, per riparare questo torto e chiedere scusa agli italiani".

Emiliano Minnucci reputa l'accaduto "vergognoso"

Emiliano Minnucci, consigliere regionale PD del Lazio, ha chiarito di reputare "vergognoso" quanto accaduto a ‘Domenica In': "Quello che è accaduto questo pomeriggio nel corso della trasmissione ‘Domenica In' ha dell'incredibile anzi, del vergognoso. Mara Venier, a seguito della presentazione del libro di Stefano Zurlo, si è tranquillamente permessa di salutare il fascista Antonio Pallante. Un fatto di gravità inaudita soprattutto perché si è consumato nella rete di punta della nostra tv di stato. Mi auguro che i vertici Rai prendano immediatamente le distanze condannando l'accaduto in maniera seria e determinata. Stiamo parlando di un fascista che nel '48 attentò alla vita di Togliatti, trascinando l'Italia sull'orlo della guerra civile con manifestazioni violente in tutto il Paese che portarono alla morte di decine di persone. La TV di stato non può essere questo".