25 Novembre 2015
22:10

A Chi l’ha visto il caso di Angela Celentano: si indaga ancora in Messico

Il programma di Raitre torna a parlare della bambina scomparsa a soli 3 anni nel lontano 1996. Si continua a percorrere la pista che porta in Messico, alla ricerca di quella Celeste che anni fa affermò di essere Angela. A parlare ai microfoni di “Chi l’ha visto” è il ministro della giustizia Orlando: “L’autorità locale ci ha assicurato piena collaborazione”.
A cura di Valeria Morini

La nuova puntata di "Chi l'ha visto" si è aperta con un caso ormai risalente al lontano 1996 e mai risolto: la ben nota scomparsa della piccola Angela Celentano, misteriosamente sparita il 10 agosto di quell'anno sul monte Faito, a soli 3 anni. Il programma di Raitre è tornato sulla pista che qualche anno fa ha portato le indagini in Messico, sulle tracce di una ragazza di nome Celeste che sostenne di essere Angela, prima di scomparire misteriosamente.

In un'intervista rilasciata ai microfoni di "Chi l'ha visto", il ministro della giustizia Andrea Orlando ha dichiarato che "la pista messicana è ancora percorribile". Risale a pochi giorni fa, infatti, l'incontro tra Orlando e la Procuradora general del Messico Arely Gomez Gonzales, che ha promesso "un nuovo e diverso impegno" sul caso.

Celeste Ruiz, la giovane che disse di essere Angela

La vicenda inizia nel 2010, quando una giovane messicana di nome Celeste Ruiz affermò di essersi riconosciuta nelle foto di Angela, che i suoi genitori avevano diffuso via web in tutto il mondo. La donna inviò una sua immagine che mostrava effettivamente una certa somiglianza con la bambina scomparsa e avviò una corrispondenza via mail e telefono con la famiglia Celentano. Ogni contatto, però, si interruppe nel 2011, quando Celeste sparì per sempre.

Dietro Celeste c'era José Manuel Vasquez?

Dalle indagini, è emerso come le telefonate e le mail inviate dalla ragazza provenissero in realtà dalla casa di un dipendente del ministero della giustizia messicano di nome Cristino Ruiz: il mittente sarebbe stato il figliastro di quest'ultimo José Manuel Vasquez. Quest'ultimo ha confessato di essere stato effettivamente l'autore di quei messaggi, salvo poi ritrattare tutto nel 2014. Tutta la storia della sedicente Angela sarebbe stata dunque una montatura? Resta tuttora il mistero su chi fosse la ragazza della foto, anche se i giornalisti di "Chi l'ha visto" hanno individuato tra i contatti social di Vazquez una donna decisamente somigliante a Celeste.

L’immagine della misteriosa Celeste messa a confronto con una donna presente tra i contatti social di Vazquez
L’immagine della misteriosa Celeste messa a confronto con una donna presente tra i contatti social di Vazquez

Il ministro Orlando: "Il caso ha la priorità nei nostri rapporti con il Messico"

Ecco la dichiarazione del ministro Orlando rilasciata al programma:

Da parte della nuova procuratrice nazionale, massima autorità giudiziaria del Paese, c'è stata assicurata una particolare attenzione a questo caso e la volontà di colmare alcune lacune sulla segnalazione di questa ragazza. Tra i vari casi di cui abbiamo parlato, abbiamo indicato questo come quello che a nostro avviso ha la priorità. Riteniamo la pista messicana ancora percorribile. 

Solo pochi mesi fa, del resto, i Celentano sono stati interrogati a lungo sulla vicenda. Secondo le autorità italiane e messicane, dunque, l'intricata vicenda che coinvolge la famiglia messicana e la misteriosa giovane della foto potrebbe effettivamente portare a scoprire la verità sulla scomparsa di Angela.

Chi l'ha visto, puntata del 22 giugno: il caso di Angela Celentano e la scomparsa di Andreea Rabciuc
Chi l'ha visto, puntata del 22 giugno: il caso di Angela Celentano e la scomparsa di Andreea Rabciuc
Alfonso Signorini:
Alfonso Signorini: "Il mio angelo custode mi parla, ho visto lo spirito di un defunto"
Veronica Peparini difende Dario e attacca la Celentano ad Amici21:
Veronica Peparini difende Dario e attacca la Celentano ad Amici21: "Io non ti riconosco più"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni