Festival di Sanremo 2017
23 Gennaio 2017
13:06

Vessicchio: “Sanremo? Si parla degli ascolti e basta, non lascia un segno nella musica”

Beppe Vessicchio ritiene che negli ultimi 10 anni, il Festival della canzone italiana non sia riuscito a lasciare un segno nella discografia. Il maestro d’orchestra spera che si torni a costruire una cultura musicale, anziché affidare il futuro della musica ai talent.
A cura di Daniela Seclì
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2017

Il maestro Beppe Vessicchio ha rilasciato un'intervista al sito ‘Il giornale off'. Il suo nome è indissolubilmente legato al Festival di Sanremo. La sua presenza nella famosa kermesse canora – che tornerà in tv dal 7 all'11 febbraio 2017 – affonda le sue radici negli anni '80: "Come direttore d’orchestra sono arrivato al Festival nel ’90. In realtà misi piede a Sanremo per la prima volta nell’85 quando ancora l’orchestra non c’era e noi arrangiatori seguivamo i cantanti come ‘fiduciari'. Io ero con Zucchero col quale avevo collaborato per Canzone triste. Dal ’90 sarò mancato tre o quattro volte al Festival".

Ha spiegato, poi, come ritiene sia cambiato l'approccio al Festival di Sanremo e ai suoi brani, nell'epoca dei talent.

"È un programma televisivo: è gestito dalla tivù, si parla degli ascolti e di quanto è seguito e basta. Trattandolo così è logico che diventi sensibile a ciò che la televisione ha già reso prezioso. Ma è innegabile che musicalmente, negli ultimi dieci anni, Sanremo non ha lasciato nessun segnale forte nel mondo della discografia. Sicuramente i talent hanno dato una sterzata, hanno smosso il mercato discografico aumentano le speranze dei giovani…"

Vessicchio: "Occorre costruire una cultura musicale, non si può affidare ai talent il futuro della musica"

Infine, il maestro d'orchestra ha dichiarato che l'avvento dei talent, non deve mettere a rischio la costruzione di una cultura musicale nostrana: "Va bene se parallelamente non perdiamo di vista anche una strada che provi a costruire una cultura musicale. Non è giusto rischiare che i talent depauperino un percorso di formazione che ha reso grande l’Italia per secoli quale è l’istruzione della musica attraverso i Conservatori e gli altri istituti preposti. Il talent è come giocare al Lotto: nulla di male, se però non si affida solo alla lotteria l’ipotesi di portare avanti le proprie ambizioni o la propria sopravvivenza. Così il talent: nulla di male, se però non si affida solo a questo il proprio futuro nella musica".

358 contenuti su questa storia
Elodie:
Elodie: "A Sanremo 2017 sono cresciuta, con Emma Marrone c'è rispetto e stima"
22.526 di askanews
D'Alessio su Sanremo:
D'Alessio su Sanremo: "Ho studiato al Consevatorio, perché mi deve giudicare la Placido"
Conti replica a D'Alessio:
Conti replica a D'Alessio: "Giuria equilibrata, Greta Menchi controbilanciata da Moroder"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni