La prima puntata di Tale e Quale Show dedicata al Torneo dei Campioni, si è conclusa nel migliore dei modi, consacrando il programma come uno dei grandi successi del Servizio Pubblico. Eppure qualche telespettatore, commentando il programma in diretta su Twitter,  ha urlato alla gaffe per come uno dei giudici si è rivolto a Vladimir Luxuria.

La presunta gaffe di Vincenzo Salemme

Tra le concorrenti della scorsa edizione del talent di Rai1 c'era anche la nota opinionista, scelta tra i sei migliori interpreti per partecipare al Torneo dei campioni, organizzato dopo la fine del programma, che quest'anno ha visto trionfare Agostino Penna. Nella puntata di venerdì 25 ottobre, Vladimir Luxuria ha dovuto interpretare Celia Cruz, cantando la notissima canzone "La vida es un carnaval" e come di consueto l'esibizione è stata commentata dai giudici presenti in studio. Il pubblico ha notevolmente apprezzato la performance, anche la giuria non ha lesinato in fatto di complimenti e apprezzamenti, sebbene le parole di Vincenzo Salemme siano state fraintese da molti. Il comico e attore napoletano ha infatti dichiarato: "Bravissima Vladimir, la voce di Celia Cruz era difficilissima, era molto mascolina veramente, sei stata brava ad imitarla”. Qualcuno, dopo queste affermazioni ha urlato alla gaffe per Salemme.

Le parole di Vladimir Luxuria

In sua difesa accorre proprio la stessa Vladimir Luxuria che ha voluto commentare l'accaduto servendosi del suo profilo Twitter, dove ha scritto qualche parola in difesa di quella che, a suo dire, non è stata affatto una figuraccia, ma anzi un complimento. L'opinionista scrive: "Altro che gaffe! VincenzoSalemme mi aveva fatto un complimento dicendo che avrei avuto difficoltà a fare una voce mascolina, poiché per lui io non avrei una voce mascolina. Salemme è un gentiluomo. Buona giornata".Insomma, tutto è bene quel che finisce bene, l'interpretazione di Vladimir Luxuria è stata un vero successo, che permesso a tutti di divertirsi e ballare sulle note latinoamericane della nota hit degli Anni Novanta.