100 CONDIVISIONI
5 Marzo 2011
11:27

Rai e Mediaset censurano lo spot di Silvio Forever: ecco il video

Lo spot di Silvio Forever censurato da Rai e Mediaset: ma noi ve lo proponiamo qui.
100 CONDIVISIONI
silvio forever

Ancora censura in Rai e Mediaset per un film che si occupa di Silvio Berlusconi.

Era già avvenuto in passato per Videocracy di Erik Gandini, che nel 2009 aveva realizzato un documentario su Berlusconi e che delineava un ritratto dell'Italia contemporanea fatta più da telespettatori che da cittadini.

Qusta volta ad essere censurato è stato lo spot tv che promuoveva il docufilm Silvio Forever,  la “biografia non autorizzata di Silvio Berlusconi”. Questo lavoro è stato diretto da Roberto Faenza e Filippo Macelloni e scritt da Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo. La motivazione ufficiale dello stop è che nel film c'è un'intervista rilasciata a Donna Rosa, la madre deceduta di Berlusconi in cui la donna garantiva che suo figlio era fedele alla moglie e non sarebbe mai stato fotografato con altre donne.

Insomma dichiarazioni abbastanza assurde viste tutte le inchieste attuali che coinvolgono il premier Berlusconi dopo il ciclone di Ruby Rubacuori. Ma comunque la Rai si è voluta difendere per non incorrere in "azioni risarcitorie per offesa alla memoria della defunta", ma essendo un'intervista autorizzata e vista già in passato, non ci sarebbe stato nessun rischio.

Faenza, Stella e Rizzo non hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali sulla questione, c'è solo un commento giunto dalla casa di produzione Lucky red che afferma "giudichino i cittadini".

100 CONDIVISIONI
Silvio Forever: la Rai blocca lo spot del film su Berlusconi
Silvio Forever: la Rai blocca lo spot del film su Berlusconi
Silvio forever: le motivazioni dello stop al trailer del film su Berlusconi
Silvio forever: le motivazioni dello stop al trailer del film su Berlusconi
Spot lesbo-hot di Twingo censurato da Rai e Mediaset: il video
Spot lesbo-hot di Twingo censurato da Rai e Mediaset: il video
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni