Le prime puntate della nuova edizione di ‘Propaganda Live‘ sono state caratterizzate da un mistero. I fedelissimi spettatori che amano il modo in cui Diego Bianchi, conosciuto come ‘Zoro‘, racconta l'attualità hanno notato l'assenza di uno dei componenti fissi del cast del programma di La7. Stiamo parlando del tassista-opinionista Mirko Matteucci, alias Missouri 4, che da anni affianca il conduttore. Bianchi ha svelato il mistero.

La preoccupazione degli spettatori

"È il giallo di settembre": ha ironizzato Diego Bianchi nel corso della puntata di ‘Propaganda Live' trasmessa venerdì 27 settembre. Il conduttore, poi, ha fatto vedere dei tweet sul conto del suo ex compagno di avventura. C'è chi ipotizza si sia alleato con Matteo Renzi e stia tentando la carriera politica. Chi ha il dubbio che si stia "mettendo in proprio", dando vita a una nuova trasmissione all'insegna della "pace interiore".

Diego Bianchi spiega cosa è successo

Diego Bianchi, allora, ha fatto chiarezza. Secondo quanto ha spiegato, sarebbe stato lo stesso Mirko Matteucci a lasciare il programma, invitandoli a organizzarsi senza di lui. Zoro era convinto che avrebbe cambiato idea, ma ciò non è avvenuto:

"A me dispiace per questa situazione che si è creata. Molto banalmente d'estate si stacca, l'ultima puntata è stata il 19 giugno. Durante questi mesi ci si sente poco e niente, dipende dai livelli di confidenza. Mirko Matteucci non si è praticamente quasi più sentito. A un certo punto ci ha proprio mandato a dire ‘Organizzatevi senza di me‘. Noi ci siamo sentiti e ci siamo detti: ‘Ma veramente dice questo?' Noi eravamo certi che si sarebbe presentato e infatti non ci siamo organizzati senza di lui. Siamo arrivati e siamo andati in onda senza Mirko Matteucci, con la sedia vuota. Ci aspettavamo un segnale da lui ma niente nemmeno alla seconda puntata. Però, lo spogliatoio ha delle regole ferree e a un certo punto si fa girare le scatole e quindi si va avanti, si gioca. La squadra è fatta e toccherà organizzarsi senza Mirko Matteucci. Buona fortuna a Mirko e tanta pace interiore".