Da alcuni mesi Pierluigi Diaco si è ritrovato, quasi d'improvviso, un volto di riferimento di Rai1. Il suo "Io e te", andato in onda in estate come contenitore post prandiale, si è trasformato in un programma di seconda serata, in onda ogni sabato, conservando le caratteristiche e l'impronta che Diaco ha voluto dare al programma. Il conduttore è stato ospite a Domenica In di Mara Venier, che lui stesso ha avuto come ospite in trasmissione e alla quale è da tempo molto legato.

Un'intervista in cui Diaco si è lasciato andare a confessioni personali, parlando della sua sfera personale e sentimentale. Si è partito dagli inizi, dalle persone importanti per la sua carriera televisiva, da Sandro Curzi a Maurizio Costanzo, così come la stessa Mara Venier che molto lo ha aiutato a dare una forma definita ad "Io e Te".

La relazione con Alessio Orsingher, giornalista di La7

Il passo alla vita personale è breve Diaco è tornato ancora una volta sulla sua relazione con Alessio Orsingher, giornalista di "Tagadà", in onda ogni giorno nel programma condotto da Tiziana Panella su La7. Relazione che è culminata con il matrimonio recente. Una relazione di cui Pierluigi Diaco aveva già parlato, ma sulla quale non rinuncia a tornare: "Non credo che la sessualità sia una patente di identità, penso sia un dettaglio della personalità di ognuno di noi. Per me è stato molto difficile poter vivere alla luce del sole questo sentimento".  Diaco ammette di essere stato "molto scorretto con i sentimenti in passato", ma oggi pare aver trovato una stabilità sentimentale proprio grazie alla sua relazione con Orsingher:

In Alessio ho trovato un complice, un ragazzo buono e per bene. La sua generosità mi ha contagiato, ho capito che nella vita l'amore si misura nella capacità di non starsi davanti ma di lato, al fianco. Spero di poter stringere la mano di Alessio fino alla fine

Il rapporto di Pierluigi Diaco con sua madre

Tra le figure di riferimento della vita di Pierluigi Diaco c'è inoltre sua madre, che il conduttore intende celebrare: "Mi ha sempre insegnato quanto sia importante il rispetto per gli altri. È una donna del sud che ha lasciato la terra per investire tutto in un amore perso a 39 anni. Mia mamma è il simbolo di un'Italia che non c'è più, quella di persone che hanno conosciuto la cultura attraverso la vita e non attraverso gli studi. Molte persone che hanno lasciato il sud per andare al nord e hanno fatto grande questo paese".