Intervistata da Silvia Toffanin a Verissimo, Paola Barale accetta di parlare della sua storia d’amore ormai finita con Gianni Sperti. Il ballerino oggi opinionista a Uomini&Donne, è stato l’unico uomo che abbia mai sposato. Il loro legame è durato 6 anni, dal 1996 al 2002, periodo in cui la conduttrice ha conosciuto Raz Degan.

In più di un’occasione, la Barale ha rinnegato quella storia d’amore, pur rifiutandosi di entrare nei dettagli. Nemmeno il suo ex ha mai parlato della loro storia d’amore, pur avendo ammesso in più di un’occasione di averla amata moltissimo. Ospite di Verissimo, la Barale ha rettificato quelle dichiarazioni e a proposito del suo matrimonio finito ha detto:

Ci siamo conosciuti a Buona Domenica. Lui ballava bene ed essendo un uomo molto forte, mi faceva sembrare brava. Abbiamo ballato insieme e, ballando ballando, siamo arrivati al matrimonio che poi è finito. Ero molto innamorata di lui. Non è rimasto molto, ci siamo persi. Dal giorno in cui ci siamo lasciati, ci siamo rivisti solo in tribunale. Non è rimasto un buon ricordo.

La Barale ammette di non odiare il matrimonio e i legami in generale:

Adoro il matrimonio, mi sposerei tutti i giorni. Il matrimonio è l’inizio di un nuovo percorso. Quando firmi, ti impegni e sei disposta a farlo pubblicamente. Lo fai solo quando sei convinto di farlo. Mi piace questa cosa, il fatto di avere un patto con un’altra persona. Adoro il matrimonio, ma non mi sposo. Ho cambiato idea. Ho anche una certa età.

Di Raz Degan: “È complicato, ma abbiamo ritrovato l’armonia”

Paola ha accettato di parlare anche del legame con Raz Degan, terminato lo scorso anno. Tra loro è rimasto un profondo affetto, ma i progetti di vita comune sarebbero sfumati:

Raz è una persona molto diversa da me e questo è stato bello perché ha spostato i miei limiti. Io sono una persona pigra e lui mi ha stimolato ad un viaggio bellissimo. Però è arrivato un momento in cui l'immagine di me e Raz si sintetizzava con un fumetto che avevo nella testa in cui lui correva e io lo inseguivo. Quando c'è Raz io ballo. Quando siamo stati sull'isola è stato meraviglioso, sembravamo noi ai primi tempi, perché Raz è complicato, però nella sua dimensione è straordinario. Sono felice ora con lui, perché abbiamo ritrovato un'armonia che non avevamo più.