È Maria Grazia Cucinotta l’ospite del giorno a “Vieni da me”. In un faccia a faccia con Caterina Balivo, la conduttrice della fascia postprandiale di Rai1, l’attrice e produttrice si è raccontata in tutte le sue sfaccettature, tra privato e vita professionale. Immancabile la parentesi su "Il postino", il film di Michael Radford con Massimo Troisi che l'ha lanciata nel mondo del cinema.

L'infanzia di Maria Grazia Cucinotta

Davanti a un pubblico curioso, Maria Grazia Cucinotta ha raccontato la sua infanzia. Venuta al mondo dopo un parto difficile, ha raccontato la storia di sua madre che chiese grazia a San Antonio per farla venire al mondo.

Io sono nata per miracolo. Il parto di mia madre è stato molto difficile. Sono nata all’ottavo mese di gravidanza, i medici avevano dato poche speranze di vita e mia madre che aveva perso già due bambini aveva chiesto la grazia a San Antonio. Aveva fatto una foto chiedendogli la mia sopravvivenza. L’anno scorso sono riuscita ad andare alla cattedrale di Padova. È come se ci fossi andata con mia madre. Lei è rimasta in Sicilia.

Un’infanzia che è stata decisamente diversa dal momento della nascita. Tanta felicità e nessun tipo di difficoltà: “Ho due fratelli più grandi che mi hanno fatto da papà e una sorella più piccola di cui sono stata un po’ gelosa”.

I primi passi nel mondo dello spettacolo

Il mondo dello spettacolo arriva decisamente dopo. Prima il tentativo con Miss Italia, poi il successo. I primi passi nel mondo dello spettacolo dopo Salsomaggiore Terme è arrivato con Indietro Tutta, ufficialmente il primo lavoro dell'attrice.

Dopo aver partecipato a Miss Italia, decisi di non tornare in Sicilia e andai a brescia da mio fratello gaetano che lavorava lì come postino. Lui mi fece delle foto formando il mio primo book fotografico con cui ci presentammo ad una delle agenzie che erano presenti a Miss Italia. Mi presero e mi fecero fare il provino per Indietro tutta e fu il mio primo lavoro.

Il ringraziamento a Massimo Troisi

È a Massimo Troisi che Maria Grazia Cucinotta deve l’avvio della sua carriera: “Un regista e un attore che ha avuto la pazienza di insegnarmi tutto”. A quel provino, quello che la ha consegnato la parte per “Il Postino”, rivela Maria Grazia Cucinotta di esserci arrivata con la “raccomandazione”.

Mi ha insegnato tutto con grande pazienza perché a quel provino ci sono arrivato raccomandata da una donna, Nathalie Caldonazzo che era la fidanzata di Massimo.