18 Febbraio 2014
14:13

Manuela Arcuri: “Dopo il Peccato e la Vergogna, basta ruoli tragici”

Intervistata da “Tv, Sorrisi e Canzoni”, l’attrice ha dichiarato che dopo “il Peccato e la Vergogna” e “Pupetta”, le piacerebbe interpretare un ruolo più leggero. Presto la vedremo impegnata ne “Il bello delle donne”.
A cura di Daniela Seclì

Manuela Arcuri, intervistata da "Tv, Sorrisi e Canzoni" è tornata a parlare della serie tv "Il peccato e la vergogna" e di ciò che le piacerebbe fare in tv, in futuro. Riguardo alla popolare fiction, ha raccontato di quanto ci sia rimasta male per la morte del suo personaggio. Carmen, infatti, muore quando l'auto su cui si trova esplode:

"Tutti i fan ci sono rimasti male e a dire il vero anch'io, Carmen è stato un personaggio bellissimo da interpretare. Ho scoperto soltanto durante le riprese come sarei stata uccisa, certo che morire così ha sconvolto un po' tutti"

L'attrice, dunque, non farà parte del cast della terza stagione de "Il peccato e la vergogna". È pronta, però, ad essere parte integrante di un altro progetto, ossia "Il bello delle donne":

"Sono molto contenta di entrare nel cast, un ruolo nuovo è sempre stimolante per un attore"

Manuela Arcuri, poi dichiara di volersi impegnare in ruoli meno tragici dei precedenti:

"Dopo ‘il Peccato e la Vergogna' e ‘Pupetta' ho voglia di recitare in qualcosa di più leggero. E poi mi piacerebbe lavorare anche a uno show tv"

Infine, racconta come si sta preparando all'arrivo del suo primo figlio:

"Mi godo questo momento magico: leggo manuali sulla gravidanza, faccio ginnastica, massaggi e sto scegliendo la cameretta, il fasciatoio, la carrozzina… è un periodo bellissimo"

Manuela Arcuri:
Manuela Arcuri: "Nessun grave peccato e tanta vergogna per le scene hot" (INTERVISTA)
"Il peccato e la vergogna 2" - conferenza stampa con Garko e Arcuri
18.205 di Spettacolo Fanpage
Anticipazioni Il Peccato e la Vergogna 2, quinta e sesta puntata
Anticipazioni Il Peccato e la Vergogna 2, quinta e sesta puntata
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni