La puntata di Storie Italiane del 30 maggio è stata quasi totalmente incentrata sullo scandalo di Pamela Prati e Mark Caltagirone, con un ampio spazio destinato all'inchiesta di Fanpage.it e un estratto della nostra intervista a Pamela Perricciolo, che verrà pubblicata integralmente nelle prossime ore. Nel programma di Eleonora Daniele, è intervenuta anche l'avvocato Irene Della Rocca, legale della Prati, che ha fornito alcune interessanti elementi alla complicata vicenda.

L'accordo di riservatezza tra Prati, Michelazzo e Perricciolo

Uno dei temi più dibattuti sulla vicenda è il tanto discusso patto di riservatezza che, come Pamela Perricciolo ha rivelato, avrebbero firmato lei, Eliana e la Prati. A  Live – Non è la d’Urso, la Michelazzo ha sostenuto che tale patto riguardasse il contratto di esclusiva per le nozze con Verissimo, circostanza che il programma di Canale 5 ha smentito categoricamente. La Della Rocca ha detto qualcosa di molto diverso sul quell'accordo:

L'accordo di riservatezza è stato stilato da una collega che ha assistito l'Aicos: è molto generico, non ci sono riferimenti alla vicenda in corso. Non è materialmente collegato a un contratto, è un patto di riservatezza generico sui dati personali.

Il plagio di cui sarebbe vittima Pamela Prati

La Daniele ha quindi interrogato l'avvocato riguardo al video in cui la Prati scherzava con la Michelazzo in merito al plagio che avrebbe subito da Eliana. Perché Pamela allora ironizzava e oggi dice di essere stata effettivamente plagiata? "La mia assistita si vergogna di questo video", ha comunicato la Della Rocca, "L'hanno convinta a farlo per dimostrare che non subiva alcun tipo di influenza. Quando lo ha rivisto si è reso conto che è qualcosa di improponibile". A dimostrare che la Prati è una vittima, sarebbe il fatto che il falso profilo di Caltagirone circola da molto tempo prima che lei entrasse in contatto con la Aicos Management della Michelazzo e della Pericciolo. Anche il bambino/attore utilizzato suo malgrado per interpretare il figlio in affido di Caltagirone e della Prati sarebbe stato una trovata delle due manager:

Sono almeno tre anni che questo bambino viene utilizzato, da ben prima che la signora Prati conoscesse Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo. La figura di Mark Caltagirone esiste da dieci anni e lei lo ha "conosciuto" un anno fa.

Girano in rete foto hot di Pamela Prati?

Infine, la domanda della Daniele su un tema molto scottante: "C'è il rischio che ci siano immagini intime che la Prati ha condiviso con quello che pensava essere Mark Caltagirone?". La stessa Prati ha sostenuto di aver inviato immagini hot all'uomo, che credeva esistesse davvero e che invece non era altro che un profilo virtuale fake. Così ha replicato l'avvocato:

Questa è la risposta a molte delle nostre domande. Potrebbero esserci queste foto, verrà accertato nelle opportune sedi. Il rischio c'è, anzi è già accertato che questo sia avvenuto in tante delle persone che sono state coinvolte (anche Eliana ha sostenuto di aver inviato video intimi al finto Simone Coppi, ndr). Questo è il modus operandi, non vedo perché dovrebbe essere esclusa la signora Prati.