30 Giugno 2014
19:04

“Il Gay Pride mi fa schifo”, frasi omofobe di un responsabile Rai su Twitter

Danilo Leonardi, responsabile di diverse trasmissioni Rai, tra le quali “Correva l’anno”, negli ultimi tre giorni si scontra con l’onda del web che disapprova le sue frasi in opposizione alle manifestazioni del gay pride di sabato scorso. Twitter chiede al direttore Andrea Vianello di prendere provvedimenti.
A cura di Andrea Parrella

Il 28 giugno è stata la giornata dedicata all'onda pride in molte città italiane, con un coinvolgimento  in termini numerici al di sopra di ogni aspettativa. Nelle stesse ore, trascinandosi poi sino alla giornata di oggi, lunedì, si è alzato e sta continuando ad essere smosso un vero e proprio polverone telematico dovuto alle affermazioni non proprio politicamente corrette di un responsabile Rai, Danilo Leonardi, produttore esecutivo di diversi programmi di Rai Tre tra cui "Correva l'anno" più diversi contenuti sui canali educativi della Rai. Frasi che hanno fatto gridare allo scandalo, se non altro perché hanno mosso parte della comunità gay (e non solo) a contestare le sue opinioni e soprattutto la modalità d'espressione. Tutto è cominciato quando il 28 giugno Leonardi scrive

Per poi continuare, nonostante qualcuno cominci già a mettere in evidenza l'anomalia delle sue affermazioni:

La discussione inizia ad articolarsi in maniera piuttosto complessa, con una serie di botta e risposta con molti utenti che difendono la causa di chi era nelle piazze a manifestare nei giorni scorsi. La sua, ad un certo punto, diviene quasi una sorta di provocazione, rispetto al risentimento dei molti che ne condannano gli atteggiamenti omofobi. Leonardi difende il diritto d'opinione e d'espressione e nel frattempo la discussione di dominio pubblico si estende, forse impropriamente, anche a parallelismi con la religione islamica e la maniera in cui il tema venga vissuto in quel caso:

Le risposte della rete non sono esattamente tenere:

Fino a quando non si comincia a chiamare in causa il direttore di rete, Andrea Vianello, in virtù del fatto che molti sostengano in Rai ci siano stati, in passato, licenziamenti per molto meno:

Al contempo c'è anche chi appoggia e difende Leonardi, come il giornalista Mario Adinolfi:

Nel frattempo su Twitter arte l'hashtag #LoLicenzi, sempre diretto al responsabile di rete Andrea Vianello, che non dà ancora segni di reazione. O almeno non ne dà fino al pomeriggio di oggi, quando smarcandosi da qualsiasi polemica e responsabilità si dissocia pienamente dalle parole e le opinioni liberamente espresse dal dipendente, aggiungendo che nulla hanno a che fare con Rai3:

Il tutto non senza una risposta di Leonardi, che rivolgendosi a Vianello chiosa: "Era evidente direttore (la disapprovazione, ndr)… Piuttosto direttore spero tu disapprovi anche gli insulti e le minacce che da ore io e la mia famiglia subiamo". La vicenda si chiuderà qui o avrà un seguito?

Successo del Gay Pride a Tokyo
Successo del Gay Pride a Tokyo
184 di Cronaca
Carlo Gabardini contro l'omofobia:
Carlo Gabardini contro l'omofobia: "Sfido Mika come personaggio gay dell'anno"
Gay pride 2014: l'Italia dei famosi è ancora restia al coming out?
Gay pride 2014: l'Italia dei famosi è ancora restia al coming out?
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni