16 Dicembre 2020
20:24

Giulio Bortolaso dello Zecchino d’Oro oggi: che fine ha fatto il bambino di Vicenza

Nel 1994 si prese la scena allo Zecchino d’Oro al fianco di Cino Tortorella: la sua simpatia e le frasi sulla sua Vicenza (“Ci sono le luci, i sassi, Babbo Natale”) sono diventate un tormentone social quando il video dell’apparizione nel concorso canoro è diventato virale sul web. Ecco chi è Giulio Bortolaso e cosa fa oggi.
A cura di Valeria Morini

Da personaggio simpaticissimo dello Zecchino d'Oro a icona social: è il curioso percorso di Giulio Bortolaso, che presenziò nello storico concorso canoro nel lontano 1994 a soli 4 anni e divertì il pubblico con la sua verve irresistibile. È passato alla storia come Giulio, il bambino di Vicenza, e qualche anno fa, per una delle curiose coincidenze del mondo del web, si è improvvisamente trasformato in un tormentone quando il video della sua partecipazione al programma di Cino Tortorella è riapparso sui social ed è diventato virale. Periodicamente Internet torna a interessarsi di lui, che oggi è lontanissimo dal mondo televisivo o dalla ribalta mediatica.

Il video di Giulio allo Zecchino d'Oro

Più in basso trovate il video spassosissimo che mostra Bortolaso bambino, protagonista di una serie di siparietti con il mago Zurlì. Giulio e un'altra bambina di nome Martina erano le "riserve" chiamate a sostituire eventuali concorrenti malati ma furono trasformati in "co-conduttori" speciali per Tortorella e Maria Teresa Ruta. Armato di una comicità innata, Giulio si prese tutta la scena raccontando "cosa c'è di bello nella sua Vicenza": "Le luci, Babbo Natale, i sassi, i palloncini appesi sui terrazzi, i coriandoli… È molto lontana l’Islanda, è vicino a Padova. (…) Bologna è lontano da Vicenza, non si può arrivare in macchina, c’è troppo traffico in autostrada e dobbiamo sorpassare tutte le macchine". Tra bizzarri racconti e momenti esilaranti, Giulio dimostrò di essere un piccolo showman in erba.

Cosa fa oggi Giulio di Vicenza

A distanza di tanti anni dallo Zecchino d'Oro a, Giulio Bortolaso si è laureato all'Università Ca' Foscari e ha quindi frequentato la School of Oriental and African Studies a Londra. Vive a Shanghai da diversi anni, dove dal 2019 lavora in qualità di capomarketing per un'importante azienda che produce attrezzi e accessori da pesca. Curiosamente, ci sono molti fan che gli scrivono su Facebook e Instagram riguardo alla sua avventura televisiva. Talvolta lui risponde con ironia (a un utente che gli chiede se viva in Cina risponde autocitandosi "Lo Yunnan è vicino a Rovigo"), ma al contempo cerca di non esporsi troppo: sul suo profilo Instagram si diverte soprattutto a postare foto che raccontano la sua grande passione per la pesca e la sua bio recita "Not that guy" ("Non quel ragazzo"). Ha comunque partecipato qualche tempo fa a una serata in provincia di Treviso in cui sono stati mostrati i video delle sue performance allo Zecchino d'Oro. Il Giornale di Vicenza l'aveva intercettato nel 2017, dopo l'esplosione social del video, e lui aveva espresso tutto il suo stupore per l'improvvisa notorietà:

Non sono una persona particolarmente “social” e quindi non sono intervenuto sui vari post. Più che altro sono rimasto a guardare con incredulità la velocità di diffusione. La cosa più sorprendente però è stata essere stato contattato da persone sconosciute e da molte persone con cui non avevo contatti da diverso tempo. Da dove sbuca il video? Rimane ancora un mistero, la prima condivisione su Fb pare sia di una persona a me totalmente sconosciuta.

Lo Zecchino d'Oro è rimandato a maggio 2021 a causa del Coronavirus
Lo Zecchino d'Oro è rimandato a maggio 2021 a causa del Coronavirus
Lo Zecchino d'Oro in onda a Natale, due speciali con Cristina D'Avena e Paolo Belli
Lo Zecchino d'Oro in onda a Natale, due speciali con Cristina D'Avena e Paolo Belli
Calcutta e Cristina D'Avena sceglieranno le prossime canzoni dello Zecchino d'oro
Calcutta e Cristina D'Avena sceglieranno le prossime canzoni dello Zecchino d'oro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni