1.029 CONDIVISIONI
4 Marzo 2021
21:06

Giuliano Sangiorgi omaggia Dalla, il monologo: “C’è un posto meraviglioso dove possiamo guarire”

I Negramaro aprono la terza serata di Sanremo 2021 dedicata alle cover con un omaggio a Lucio Dalla, l’interpretazione della canzone “4 marzo 1943” nella sua versione originale, 50 anni dopo la sua presentazione a Sanremo. A seguire un monologo di Giuliano Sangiorgi sul ruolo della canzone d’autore.
A cura di Stefania Rocco
1.029 CONDIVISIONI

Giuliano Sangiorgi protagonista di un intenso monologo nella terza serata di Sanremo2021. Il cantante dei Negramaro sale sul palco dell’Ariston insieme alla sua band per un omaggio a Lucio Dalla, l’esecuzione della versione originale di “4 marzo 1943” a 50 anni dalla sua presentazione al Festival e nel giorno del suo compleanno, oggi infatti avrebbe compiuto 79 anni. Inserito nel brano anche il celebre verso “E anche adesso che gioco a carte e bevo vino, per la gente del porto mi chiamo Gesù Bambino”, censurato prima di essere ammesso a Sanremo nel 1971.

Il testo del monologo di Giuliano Sangiorgi

Sul palco dell’Ariston, subito dopo l’omaggio a Lucio Dalla, Giuliano Sangiorgi ha recitato un monologo dedicato alla canzone d’autore, con citazioni di Dalla (Com’è profondo il mare) e Fabrizio De Andrè (Anime salve):

C’è un momento esatto in cui le parole, quelle da sole, non bastano a dire, per davvero, tutto quello che pensiamo e sentiamo. Che poi, tutto quello che pensiamo non ci starebbe nemmeno in un oceano…Si sa, mica lo puoi bloccare, non lo puoi recintare! Il pensiero, come l’oceano, non lo puoi confinare e “chi pensa è muto come un pesce anzi è un pesce e come pesce non lo puoi bloccare”, nemmeno quello. E allora in questo mare così grande, così maestoso e continuamente in tempesta, ma pur sempre troppo piccolo per contenere il pensiero tutto, c’è un posto che galleggia  leggero, leggerissimo sulle nostre vite, un’isola felice, che riesce a farlo, e lì, pensieri e parole nuotano liberi, vanno giù in profondità, negli abissi più remoti a scandagliare con il loro radar fondali mai attraversati prima, per poi risalire, carichi di tanti altri colori e tante altre vite. Tutte quelle vite che ci appartengono, che sogniamo, che fuggiamo e poi ancora via, nel “mare aperto e poi giù, il deserto e poi ancora in alto, con un grande salto…”. Atterriamo su quest’isola…E solo grazie a quest’isola, restiamo “anime salve, in terra e in mare” capaci di dire ogni giorno “che grande questo tempo, che bella compagnia!” e lo si fa cantando… Si chiama “canzone” questo posto ed è un posto meraviglioso, in cui perfino il tuo dolore, potrà guarire poi “meraviglioso”!

I Negramaro cantano “Meraviglioso” a Sanremo

Il monologo ha anticipato l’esecuzione di “Meraviglioso”, brano di Domenico Modugno che la band ha registrato nel 2008 riportandolo in cima alle classifiche.

1.029 CONDIVISIONI
Sanremo 2021, Giuliano Sangiorgi omaggia Lucio Dalla e poi il monologo sulla canzone d'autore
Sanremo 2021, Giuliano Sangiorgi omaggia Lucio Dalla e poi il monologo sulla canzone d'autore
268 di Videonews
Chi è Ilaria Macchia, compagna di Giuliano Sangiorgi e scrittrice
Chi è Ilaria Macchia, compagna di Giuliano Sangiorgi e scrittrice
C'è Giuliano Sangiorgi ai Soliti Ignoti e i cameraman impazziscono, Amadeus: "Non era mai successo"
C'è Giuliano Sangiorgi ai Soliti Ignoti e i cameraman impazziscono, Amadeus: "Non era mai successo"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni