Francesca Cipriani è stata ospite di Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 per raccontare una disavventura vissuta domenica 14 ottobre 2018. La showgirl, ex Pupa, ha raccontato di essere stata trasportata da un’ambulanza all’ospedale Niguarda di Milano. Non riusciva a respirare, al punto che i medici pensavano addirittura a un’embolia polmonare. Per fortuna, dopo avere eseguito tutti i controlli del caso, si è scoperto si trattava semplicemente di un virus intestinale.

Il racconto di Francesca Cipriani

Francesca, dopo avere improvvisato uno show che ha avuto per argomento la lingerie, è tornata seria e ha raccontato la sua disavventura: “Domenica sono stata male. Sono stata portata all'ospedale Niguarda di Milano con l'ambulanza. Ho preso un virus intestinale. Saluto tutti i dottori della struttura, che sono stati molto bravi. Mi hanno fatto anche una tac con contrasto perché pensavano ad un'embolia polmonare dal momento che non respiravo“. Per fortuna, i timori sarebbero durati poco e l’ex concorrente dell’Isola dei famosi è tornata presto a sorridere: “Sono viva e vegeta, grazie a tutti i dottori”.

L’appello per entrare nella Casa del GF Vip

Pochi giorni fa, Francesca ha lanciato un appello dalle pagine del settimanale Spy per potere entrare nella Casa del Grande Fratello Vip 2018. Si è detta pazza di Walter Nudo e desiderosa di comunicarglielo: “Seguo il Gf Vip anche la notte. Perché c’è un concorrente che mi fa dimenticare di dormire. La sua bellezza è palese, però oltre all’aspetto esteriore c’è molto di più: è un uomo con la ‘u' maiuscola, è profondo. Mi piace la sua pacatezza, la sua allegria, la solarità. Voglio assolutamente conoscerlo. Il suo nome è Walter Nudo”. La donna si è detta pronta a un confronto:

Vorrei che mi chiamassero in studio per parlargli. Vorrei scoprire la sua anima perché nella Casa sta dimostrando di essere non solo un bell'uomo, ma molto di più. E io penso che sarei la donna adatta per lui. Il ruolo di bionda svampita fa parte di me, però io sono ben altro. Non mi sono mai accontentata della superficialità.