28 Marzo 2020
17:24

“Se esci ti spoilero il finale delle serie Netflix”, l’idea per tenere le persone a casa

Cos’è che teme di più un appassionato di serie televisive? Ovviamente lo spoiler. Ed ecco che due ragazzi thailandesi hanno trasformato questo timore del nostro tempo in un incentivo per restare a casa e contrastare il rischio di contagio del coronavirus. I due creativi hanno ideato dei finti spoiler di alcune serie Netflix, facendone dei cartelloni pubblicitari, con cui hanno tappezzato varie zone della città. L’idea è diventa subito virale.
A cura di Ilaria Costabile

Se volessimo individuare una delle più grandi ansie del nostro tempo, così votato alla tecnologia e dolcemente tormentato dalle serie televisive che appassionano milioni di fan in tutto il mondo, c'è senza dubbio quella di scoprire inavvertitamente cosa accadrà in una puntata che non abbiamo visto della nostra serie tv preferita, il cosiddetto spoiler. Lo hanno capito due ragazzi thailandesi che, per invogliare le persone a restare nelle loro case, rispettando le restrizioni imposte dai governi per contrastare il diffondersi del coronavirus, hanno ideato questo escamotage a dir poco geniale.

L'idea diventa virale

Seine Kongruangkit e Matithorn Prachuabmoh Chaimoungkalo, due creativi questi i nomi dei giovani creativi thailandesi, che hanno ideato dei cartelloni pubblicitari in cui erano ritratte scene inedite di alcune serie televisive, tappezzando uscite della metro e altri posti strategici in cui sarebbe stato impossibile non scorgerli. L'idea è diventata in pochissimo tempo virale attirando l'attenzione dei media e anche della nota piattaforma streaming. Dinanzi ad un successo che ha stupito anche loro, hanno deciso di spiegare sui rispettivi profili Instragram e Facebook la motivazione che li ha spinti a realizzare questa idea. L'obiettivo? Convincere le persone a stare a casa per evitare il contagio.

Il racconto di Sein e Matithorn

Rientrati in Thailandia dalla Germania, dove studiano, i due si sono resi conto che le misure di prevenzione nel Paese erano poche o poco rispettate. Il primo a cui è venuta l'idea è stato Seine, che ha rivelato: "Il nostro governo non aveva fatto un ottimo lavoro. Quindi all'improvviso mi è venuta l'idea che all'inizio non mi aspettavo che diventasse virale. Matithorn ci ha creduto così tanto che ha provato a venderla a Netflix Singapore". L'affare non è andato in porto, ma i ragazzi hanno trovato il modo di diffondere la propria iniziativa. Seine continua a raccontare:

Quindi, ho deciso di inviarlo su adsoftheworld solo per affermare che è nostro. Oggi ho ricevuto così tante menzioni, offerte e naturalmente lamentele sui media. Se 3 anni fa qualcuno mi avesse detto che qualcosa che mi è venuto in mente avrebbe attirato così tanta attenzione in questo modo, non ci avrei mai creduto.

Mentre l'amico Matithorn (detto Brave) ha aggiornato il suo stato su Facebook scrivendo: "Per tutti noi che crediamo con tutto il cuore che solo il potere della creatività può spingerci oltre questo spettacolo di merda. È tempo di restare a casa e salvare il mondo, ragazzi! 

La Casa di Carta 4, recensione (e piccolo spoiler): la serie Netflix omaggia ancora l'Italia
La Casa di Carta 4, recensione (e piccolo spoiler): la serie Netflix omaggia ancora l'Italia
1.053 di Videonews
BoJack Horseman 6, recensione: finale aperto e incompiuto, come le persone nella vita reale
BoJack Horseman 6, recensione: finale aperto e incompiuto, come le persone nella vita reale
Netflix valuta la distribuzione delle sue serie originali su altre piattaforme
Netflix valuta la distribuzione delle sue serie originali su altre piattaforme
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni