15 Febbraio 2018
17:20

Carlo Cracco: “Guardo Masterchef ma non mi è piaciuto il mio funerale”

Lo chef commenta il suo “funerale” inscenato nella prima edizione di MasterChef Italia senza di lui: “È stato di cattivo gusto, a Sanremo non fanno il funerale al conduttore precedente”.

La prima edizione di MasterChef Italia senza Carlo Cracco. Non si può negare che sembra esserci meno appeal, nonostante l'ottimo inserimento di Antonia Klugmann, da quando il "diavolo di Hell's Kitchen" è andato via. Lui non si lascia andare a confronti ma ai microfoni del settimanale di gossip "Spy", un paio di sassolini dalle scarpe prova a toglierseli lo stesso.

Carlo Cracco non ha gradito il suo funerale inscenato

Nel corso della prima puntata, i giudici di MasterChef rimasti hanno inscenato un finto funerale per Carlo Cracco, una trovata che allo chef è apparsa del tutto fuori luogo anche perché l'ha vista in diretta mentre era a casa con la famiglia (lo chef ha sposato Rosa Fanti lo scorso gennaio).

Guardo ancora “Masterchef”, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo sono i miei fratelli, i miei “figli”. Non potrei mai parlare male di loro. Nella prima puntata hanno inscenato il mio funerale, non ne sapevo nulla. Ero a casa, stavamo cenando e non guardavo la tv. A un certo punto hanno cominciato a chiamarmi al telefono… Volevano sapere se ero morto davvero. L’ho trovato un po’ kitsch, di cattivo gusto. Anche perché non si è mai fatta una cosa del genere in televisione. Al Festival di Sanremo non ho mai visto fare il funerale al conduttore precedente. Però è anche vero che la televisione per fare audience è disposta a tutto: a vendere la mamma, la nonna, la suocera, la nuora e a vendere la pelle dell’orso ancora prima di averla cacciata. E quindi anche a fare il funerale a Cracco.

Cosa fa oggi Carlo Cracco

Carlo Cracco oggi è concentrato sulla ricerca nel mondo della cucina, come d'altronde aveva già annunciato un anno fa, quando ha detto addio a MasterChef. Una bacchettata alla moda del "deliveroo", che per lo chef non ha senso: "Tanto vale stare a casa e cucinare da soli".

Il mio obbiettivo è sempre quello di diffondere la cultura del cibo. Ora sono impegnato verso una nuova frontiera, quella del mangiare bene per stare bene. Adesso va di moda il deliveroo (consegne a domicilio, ndr). Vedo tantissimi ragazzi in giro per le città in bicicletta a consegnare cibo nelle case lavorando in certe condizioni e sottopagati… però la gente è convinta che sia una figata. Ma perché farsi portare una pizza che da quando esce dal forno a quando arriva a casa è fredda e non è più buona? Quel servizio non è cultura del cibo, è un concetto sbagliato che abbassa la qualità. È la classica via di mezzo… piuttosto esci e vai al ristorante, oppure stai a casa e te lo prepari tu.

Le foto del matrimonio di Carlo Cracco e Rosa Fanti
Le foto del matrimonio di Carlo Cracco e Rosa Fanti
676.196 di Spettacolo Fanpage
Le foto di Carlo Cracco e Rosa Fanti
Le foto di Carlo Cracco e Rosa Fanti
86.291 di Spettacolo Fanpage
Carlo Conti e Antonella Clerici leggono la preghiera degli artisti ai funerali di Fabrizio Frizzi
Carlo Conti e Antonella Clerici leggono la preghiera degli artisti ai funerali di Fabrizio Frizzi
961.770 di Simona Berterame
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni