Il travagliato sviluppo di "Adrian" è passato anche per far fronte a un irresistibile paradosso. La serie di Adriano Celentano ambientata in un futuro distopico, dilaniato dalla pressione asfissiante di un potere corrotto tradotto in una dittatura sottile, è stata realizzata in un paese che la dittatura sa bene cos'è. Lo Studio SEK è infatti una società nordcoreana con base proprio a Pyongyang, la Capitale della nazione guidata dal figlio del Caro Leader, Kim Jong-un, alla guida del paese dal 2011.

Le produzioni dello Studio SEK

Lo Studio SEK produce cortometraggi e serie animate non soltanto destinate al mercato interno ma anche per produzioni televisive esterne, come è stato per "Adrian". È una delle aziende storiche della Corea del Nord, che poteva contare su 1500 dipendenti del 2003, ridotti a soli 500 per la crisi e il passaggio al digitale. I dipendenti dello Studio SEK arrivano spesso dall'Accademia d'arte di Pyongyang. Tra le opere note realizzate dallo Studio SEK, ricordiamo le opere parallele del Re Leone e di Pocahontas, spesso confuse con quelle originali Disney, e "Gladiatori – Il Torneo delle Sette Meraviglie", tutte realizzate per l'Italia.

Il progetto di Adrian

Lo Studio SEK entra in gioco per la produzione di "Adrian" nel 2011, dopo due anni dall'inizio del progetto. Quando il Clan Celentano si rivolge a Mondo Tv come nuovo produttore, questi si affida subito allo Studio SEK, con il quale ha lavorato già per le opere precedentemente citate. Pochi mesi dopo il contratto, la produzione risolve il contratto con il Clan Celentano. La produzione è passato così definitivamente in Corea del Nord. Questo potrebbe spiegare i motivi per cui le scene di sesso, siano illustrazioni ferme di Milo Manara e non animate. In Corea Del Nord, il sesso è considerato una forma di edonismo che le persone non possono provare e manifestare.