Filippo Senzani Pezzi non ha vinto il suo montepremi a L'Eredità, dimezzato da 190 mila euro a 95 mila euro, ma ha sicuramente conquistato la simpatia del pubblico e del conduttore Flavio Insinna. Il giovane studente di ingegneria, aspirante astronauta, è arrivato al duello finale battendo la sfidante Martina, ma non è riuscito a indovinare la parola chiave del momento Ghigliottina. Doveva combinare le 5 parole date dagli autori (innocenza, canzone, lettera, girotondo e azione) con una parola chiave che le legasse tutte, che avrebbe dovuto essere ‘protesta'.

Non ha protestato Filippo, anzi, ha tentato di esorcizzare, con l'ironia, un evidente momento di tensione. La risposta data sul cartello è stata "A ne sò", che in dialetto romagnolo significa ‘Non lo so', come lui stesso ha subito dopo spiegato, tra le risate del pubblico: “In romagnolo vuol dire non lo so. Se avessi colto due parole che si collegavano avrei scritto qualcosa, ma niente”. Anche Flavio Insinna si è subito associato alla forte simpatia che il pubblico ha provato nei confronti di Filippo Senzani Pezzi, aggiungendo: “Io l’ho capito da quando sei arrivato che ci saremmo divertiti".

È di nemmeno una settimana fa la vittoria di un'altra concorrente romagnola, Viola Casadei, una studentessa ravennate, che è riuscita a conquistare il suo ricco montepremi da 190mila euro indovinando la parola chiave finale nel gioco della Ghigliottina. La Casadei aveva prontamente risposto a Flavio Insinna in merito alla destinazione di tutto quel denaro, specificando di volerlo depositare in banca solo dopo aver donato alla mamma un viaggio madre-figlia in America. "Bere il Bellini con le professoresse è il sogno della mia vita" aveva concluso la ragazza, visibilmente euforica per il traguardo raggiunto dopo giorni di tentativi.