Paolo Ruffini ha voluto rendere omaggio a Corrado, uno dei volti più amati della televisione italiana. Per farlo, ha impresso sul braccio l'immagine del presentatore con il Telegatto. Il tatuaggio ha raccolto reazioni decisamente contrastanti. A chi l'ha reputato originale, si è contrapposto chi l'ha criticato aspramente.

Il comico, attore e presentatore, allora, ha spiegato in modo approfondito i motivi che l'hanno portato a scegliere quel soggetto per il suo tatuaggio e la grande stima che prova nei confronti del presentatore

"Per me Corrado era il signore gentile che mi faceva divertire con la mia famiglia, nel salotto di casa: ironia, eleganza e simpatia. Prendeva in giro tutto e tutti, ma mai chi aveva problemi, e aveva sempre un applauso per ognuno. Scendeva dalle scale in mezzo al pubblico e mai da dietro le quinte. Era popolare perché era uno del popolo, mai spocchioso, umile e sempre col sorriso. Sempre. La storia politica è importante per carità, ma per me è anche importante la storia dello spettacolo, e per me Corrado e la Corrida è al numero 1. Qualsiasi trasmissione di oggi, dai People Show a Avanti Un Altro deve qualcosa a Corrado. Nel dopoguerra pensare di fare radio con la gente, con la Corrida, fu in invenzione avanguardista. Ecco perché. Il tatuaggio sarà stupendo. Vi auguro buon sabato e…Non finisce qui!"