Morgan rilascia un’intervista a Repubblica nella quale prova a demolire, punto dopo punto, tutto ciò che è stato dichiarato fino a questo momento in merito alla sua uscita da Amici 2017. Il musicista, ex direttore artistico della squadra bianca del talent show ha deciso di abbacinare il programma per ragioni che non sono state ancora completamente chiarite.

Dopo la conferma di Maria De Filippi, Morgan è già intervenuto sul web per raccontare la sua versione dei fatti. A quella si aggiungono le dichiarazioni rese a Repubblica, cui racconta ciò che sarebbe accaduto dietro le quinte. Accusa gli autori di aver documentato in tv una realtà parallela a quella vissuta dai protagonisti e, soprattutto, nega ancora una volta di avere avuto un cattivo rapporto con i ragazzi della sua squadra

I ragazzi non sono assolutamente contro di me. Gli autori hanno costruito una realtà parallela, come sono abituati a fare per lavorare in tv. Maria per prima mi aveva consigliato di discutere con i ragazzi, io ci sono cascato senza capire a chi giovasse. I ragazzi sono condizionati, plagiati, filmati giorno e notte. Ma, nonostante tutto questo lavoro di condizionamento, l'ultima volta che ci siamo visti uno di loro mi ha dato una poesia per farne il testo di una canzone, un'altra un foglietto con i brani che avrebbe voluto fare in puntata e io lì stavo realizzando. Questo dimostra che tra noi c'era un'intesa segreta, evidentemente sono i Nemici di Maria De Filippi.

Rivela, quindi, di aver deciso di andare via quando gli sarebbe stata imposta la presenza di Emma nel ruolo di coach della squadra, cosa che avrebbe ridimensionato la sua libertà di scelta

Ho fatto la mia scelta di andarmene finché non avessero risposto alla proposta: posso lavorare? Mi hanno detto: vogliamo Emma nel tuo posto di coach e tu l'affiancherai. Ma non se ne parla proprio, non distinguono nulla, non avendo cognizione musicale pensano che siamo compatibili. Pensano che sia logico vedere Emma e Morgan capitanare insieme una squadra, come vedere Almirante e Berlinguer che fanno un partito. Maria voleva vedermi come un burattino nel suo show, gli interessavano il mio faccione e i miei capelli da gatto morto. Avrei preferito che mi dicesse in faccia che mi vedeva come il Consorzio Nettuno, sarebbe stata nobile.

Morgan: “Mi sono fidato della De Filippi, mi hanno fatto mobbing”.

Morgan conclude rivelando di aver subito mobbing da parte della produzione del talent. Gli attacchi ai suoi danni sarebbero cominciati dopo le sue prime rimostranze

Mi sono fidato delle parole di Maria, della grande stima che diceva di nutrire per me. Mi impedivano di consegnare personalmente le canzoni ai ragazzi impedendo così di poter contestualizzare le ragioni di una scelta, di farli insomma innamorare. Ho mandato mille messaggi, li ho avvertiti che stavano distruggendo il mio lavoro e il mobbing è iniziato da lì, hanno cominciato a gasare i ragazzi contro di me. Non ho mai litigato con loro, forse si lamentavano ma anch'io mi lamentavo delle lezioni di greco o di quanto fosse difficile imparare Bach. Ma cosa vuol dire?