La finale di Miss Italia 2017 è prevista per il 9 settembre a Jesolo, dove verrà trasmessa da La7, con la conuzione di Francesco Facchinetti e una giuria illustrissima, con De Sica e Gabriel Garko tra i membri. Ma a poche settimane dall'atto finale che determinerà la reginetta di bellezza 2017 un caso di possibili brogli rischia di compromettere la credibilità del concorso di quest'anno. Negli ultimi il sindaco di Castel Volturno, località campana del casertano, ha denunciato l'organizzazione di una combine sui voti della serata che si è svolta il 30 luglio 2017 dove il primo cittadino, Dimitri Russo, figurava proprio come segretario. Ecco cosa ha scritto Russo sulla sua pagina Facebook

Dopo la votazione mi hanno affidato il compito di dettare i voti delle 12 schede dei giurati, 31 voti per ogni scheda. Le concorrenti erano appunto 31. Mentre dettavo i voti quello che li trascriveva, un tale dell’organizzazione, li cambiava a suo piacimento secondo una classifica evidentemente già concordata. Me ne sono accorto perché per la “prima”, quella che avevano già scelto a tavolino, poiché era la mia preferita, avevo già fatto il totale dei voti a mente nello sfogliare velocemente le schede e non superava il totale di cinquanta voti, mentre dal totale consegnatomi nel finale presentava il totale di 55! Da un controllo il tipo aveva trasformato dei 3 e dei 4 in 5.

Il sindaco di Castel Volturno muove dunque un'accusa diretta all'organizzazione, spiegando come, dopo aver compreso l'alterazione del meccanismo, abbia deciso autonomamente di prendere provvedimenti

Ho detto che nemmeno se gioco a briscola con mio nipote imbroglio, mentre il responsabile dell’organizzazione tentava imbarazzato di spiegare perché doveva vincere una e non un’altra. “Sindaco mi mette in difficoltà, lasci perdere, l’importante è che a Jesolo arrivino dieci belle ragazze dalla Campania e la n.xx (quella che avevano già deciso che doveva vincere), è bellissima. “Lo so”, faccio io, “tant’è che è la mia preferita, ma esiste una votazione, esiste una giuria e queste schifezze le fate con altri, non con me”. Ho tolto così le schede dalle mani del “manipolatore”, mi sono chiuso in una altra stanza col presidente della giuria, sbigottito ed incredulo, e abbiamo rifatto tutti i conti, con carta, penna e calcolatrice. La classifica ovviamente è cambiata, tutta. La ragazza che avevano “scelto” è scalata di ben sei posizioni. Io e il presidente abbiamo verbalizzato e siamo andati, schifati, sul palco.

La replica di Patrizia Mirigliani.

A poche ore di distanza sono arrivate anche le parole di commento di Patrizia Mirigliani, madrina del concorso, la quale, ignara di tutto, si dice pronta ad ogni chiarimento pur di fare chiarezza sulla regolarità del concorso

Sono interessata al massimo chiarimento del caso poiché la correttezza e la trasparenza sono punti fermi di Miss Italia. Pertanto invito le autorità competenti a procedere a tutti gli accertamenti del caso affinché non rimanga il minimo dubbio sul regolare svolgimento delle selezioni del concorso”