"Non so se resterò in Rai", lo dice chiaro e tondo, Massimo Giletti, senza indugi. Il conduttore ha condotto oggi l'ultima puntata stagionale dell'Arena, programma domenicale di successo al comando del quale è, oramai, da diversi anni, con ottimi risultati in termini di ascolti. Eppure non sembra basti del tutto. Lo ha fatto intendere Giletti, più volte, durante la puntata di oggi, con diversi accenni e frecciatine alla dirigenza rispetto al futuro del programma. Complice, soprattutto, il clima aziendale e la questione del tetto agli stipendi, che tanti nomi del servizio pubblico rischia di mettere in discussione, a cominciare dal suo passando per quello di Fabio Fazio, Flavio Insinna, Carlo Conti e Antonella Clerici, per citarne solo alcuni. Il discorso di chiusura è stato chiaro e anche amaro

Il mio futuro è incerto. Ho dato molto a quest'azienda con un programma che porta 4 milioni di spettatori a puntata. Abbiamo creato un gruppo di lavoro di cui la Rai dovrebbe essere orgogliosa, anche per i risultati fatti nelle rare volte in cui siamo andati in prima serata. Cosa farò? Non lo so

Durante la puntata di oggi Giletti ha avuto modo di sfogarsi anche durante l'intervista con la collega Antonella Clerici, ospite del programma. La conduttrice de La Prova del Cuoco ha fatto sapere che in futuro si dedicherà sempre più a se stessa e meno alla tv e non ha negato di volersi concedere del tempo per la famiglia. Quando si è parlato di Rai, il sentimento di sfiducia verso la dirigenza è stato comune ad entrambi. "Un tempo avevano molta fiducia in noi i dirigenti, adesso un po' meno", ha detto Giletti, aggiungendo "Fai fatica a guidare una macchina che va veloce e in cui sono altre persone con te, ma a un certo punto rimpiangi la lentezza". La chiusura ha confermato come sarano le prossime settimane, con il delinearsi dei palinsesti per la nuova stagione, a scrivere il futuro di Giletti

Arrivederci al prossimo anno, chissà quando chissà dove