La terza puntata di C’è posta per te.

Un altro viaggio nei sentimenti e nelle emozioni va in scena il sabato sera su Canale 5, con la terza puntata di C'è posta per te.  Il longevo people show condotto da Maria De Filippi è giunto addirittura alla ventesima edizione e non dà segni di cedimento, a guardare i 5,4 milioni di spettatori della prima puntata e i 5,3 della seconda, in un testa a testa con lo show di Rai1 con Gigi Proietti. Merito delle lacrime e dei sorrisi che non mancano a ogni puntata, in cui il pubblico è emotivamente coinvolto nelle storie raccontate.

Ospiti Belen Rodriguez e Riccardo Scamarcio.

Marchio di fabbrica del programma sono anche le ospitate illustri. Nella terza serata dell'edizione vediamo nel salotto di Maria De Filippi la showgirl più chiacchierata degli italiani Belen Rodriguez, attualmente al centro del gossip per la sua relazione con Andrea Iannone, e l'attore e produttore Riccardo Scamarcio, sex symbol del grande schermo dai tempi di "3 metri sopra il cielo" fino agli ultimi lavori "Pericle il nero" e "La cena di Natale" (lo vedremo anche nel biopic "Dalida").


Annaluz chiede perdono alle figlie, le lasciò per le violenze del marito.

La quinta e ultima storia della serata è quella di Annaluz, madre di due figlie, Valentina e Valeria, e di due gemelli. A causa dei maltrattamenti subiti dal marito, è scappata di casa due volte. Dopo un primo ritorno, due anni dopo è nuovamente fuggita, a causa di un episodio molto grave di cui non vengono rivelati i dettagli. Se ha tuttora rapporti con i gemelli, la donna vuole scusarsi con Valeria e Valentina che non ha più visto. Le ragazze accettano di venire in trasmissione con il compagno di Valeria, Carlo. Rifiuta invece l'invito Adriano, compagno di Valentina.

Mi mancate tantissimo. Vi sentite abbandonate da me ma non è così. Mi sono solo voluta salvare da vostro padre, non avevo un altro uomo. Sono tornata da voi credendo che potesse funzionare, ma non ce l'ho fatta. Vi chiedo perdono. Valeria ti chiedo scusa se sono andata via, eri diventata da poco mamma, eri sola, avevi bisogno di tua madre. Valentina, con te sono diventata mamma per la prima volta, sono cresciuta con te. Carlo, noi ci conosciamo solo di vista. Ti voglio dire grazie perché ti prendi cura di Valeria e dei bambini. Ti voglio chiedere la possibilità di fare da nonna ai miei nipotini. Vi amo, voglio recuperare il nostro rapporto.

Le figlie: "Le azioni di papà scatenate da ciò che faceva lei"

I desideri di Annaluz, però, si scontrano contro un muro. Le figlie non sembrano intenzionate a perdonarla, come dice Valentina

Non metto in dubbio che ci siano stati problemi con mio padre. Ma abbandonare 4 figli no. Non è vero che mi ha chiamato 2 mesi, ma dopo 9. Forse non capisce che tutti abbiamo sofferto. Non mi importa se tu mi mandi dei messaggi con scritto "Ti voglio bene". Una mamma si preoccupa, ti chiama. Nel momento in cui avevamo bisogno di lei, lei non c'era. Posso capire la prima volta, ma perché la seconda?

Annaluz riconosce di aver sbagliato ad abbandonarle, specificando di aver agito così solo per paura del padre: "La seconda volta, non posso dirvi cosa è successo. Perché avete perdonato vostro padre e me no?". "Papà a me non ha fatto niente. Le azioni di papà magari erano scatenate da qualcosa che faceva lei", sostiene Valeria, scatenando i mormorii del pubblico. Anche gli spettatori non concordano con le due ragazze che difendono il padre. Maria De Filippi cerca di farle riflettere: "Sulle responsabilità di tua mamma non ci piove, ma devi capire che ne ha anche tuo padre per i comportamenti che ha avuto. Valeria, devi dirmi se tua madre ti manca". "No, non mi manca", è la risposta. Anche Valentina non vuole riabbracciarla: "Mi manca, le voglio bene, ma per ora non me la sento". La storia termina con la chiusura della busta.


Belen piange per Brenda e Alfonso: “La vostra storia di povertà mi ricorda la mia”

La quarta storia vede al centro la seconda ospite delle serata, Belen Rodriguez. La showgirl entra già pronta a commuoversi. La chiama Brenda, per fare un regalo al compagno Alfonso: "Voglio fargli capire che lo amo e lo scelgo ogni giorno, anche se è povero. Lui si mortifica perché non riesce a dare a me e alla nostra bambina quello che un padre riesce a dare. Vorrei che vedesse Belen, che ammira tanto. Voglio che cominci a guardarsi con gli stessi occhi con cui lo guardo io". All'entrata di Alfonso, Brenda gli rivolge parole commoventi e Belen si commuove da subito

Sono orgogliosa di te, hai la dignità di un re e l'umiltà di uomo vero di fronte a quella che chiamo sfortuna. Non mi interessa se non puoi regalarmi un anello, mi basta un anello di carta stagnola per essere la tua principessa. La tua anima da qualche tempo è spenta e vorrei fare qualcosa per te. C'è una creatura che se non  fosse così simpatica col cavolo che l'avrei invitata! Ma è bellissima e ha anche un bellissimo cuore.

Belen ricorda l'infanzia povera: "Mio padre non poteva pagare l'affitto"

Arriva quindi il momento dell'entrata in scena di Belen, che abbraccia Alfonso e lo conforta.

Mi sento di dirti, e credo che lo pensino tutte le donne, che sei un esempio meraviglioso. Non ho potuto fare a meno di ricordare la mia storia. Eravamo una famiglia umile, a un certo punto mio padre non riusciva più a pagare l'affitto e siamo finiti a vivere dai nonni. Non dovrai mai sentirti in colpa per i tuoi figli. L'amore non si compra, se hai la fortuna di incontrarlo ti salva la vita. Quando ci sono delle difficoltà, penso in queste ultime generazioni la gente scappi. Qui si capisce quando c'è l'amore. Mi ricordi mio padre.

Belen invita quindi Alfonso a ballare un lento, poi arrivano i regali. Belen fa dono alla coppia di un seggiolino per la bambina, dal momento che Brenda la deve sempre portare in braccio, e di una carta prepagata per poter fare acquisti per la piccola. Quindi porge ad Alfonso un guantone da boxe, simbolo di forza, con "un piccolo aiuto che ci tenevamo a darvi". Lui si mostra imbarazzato per tutto il tempo, come fa notare il pubblico, tanto da continuare la moglie anziché la showgirl.


Tatiana abbraccia il padre Mirko, che non ha mai conosciuto.

La terza storia è quella di Tatiana. La ragazza, 18 anni, è in trasmissione con la madre Gabriella per conoscere finalmente il padre Mirko, di cui conserva semplicemente soltanto una lettera. I genitori della ragazza si sono innamorati da adolescenti e hanno girato l'Europa in sacco a pelo. Gabriella è rimasta incinta a 16 anni: quando la vita in strada è diventata difficile, ha chiamato la madre che le ha chiesto di interrompere la gravidanza. Lei ha rifiutato, ma ha accettato di andare da una zia in Florida, finché Mirko non l'ha raggiunta: hanno vissuto lì nella povertà, fino a quando lei è tornata dalla madre, mentre Mirko è stato segnalato come clandestino ed è stato costretto a tornare in Italia. Tatiana e Gabriella ora vivono vicino a Londra e non hanno più visto Mirko, che abita nel biellese. Mirko accetta l'invito e inizialmente vede solo Gabriella: "Sono passati 18 anni. Eravamo giovani, mia mamma si è comportata male. Oggi, ho un'altra bambina, Sara. Spero che anche tu sia sposato e felice. Vorrei che avessi un rapporto con tua figlia. Tatiana è qui".

La lettera di Tatiana: "Voglio poter dire ‘Ti voglio bene papà'"

La ragazza, che parla un misto di inglese e italiano, legge quindi una lettera commovente al padre.

Caro papà, ormai sono una donna. Ho due lavori, mi piace pensare che sei orgoglioso di me. Mia mamma mi ha cresciuto come una donna forte, mi raccontava che suonavi la tua chitarra e ti piaceva cavalcare. Io invece amo disegnare, ho una vena artistica. Ho tre tatuaggi, so che tu ne hai due. Vorrei sapere cosa ti piace, vedere un film Disney con te, passare del tempo insieme. Mi chiedo spesso perché non mi hai cercato. Vorrei abbracciarti ma ho paura di essere rifiutata. Voglio poter dire "Ti voglio bene papà".

La De Filippi spiega come Tatiana e Gabriella hanno provato più volte a rintracciarlo, inutilmente. Lui spiega di essersi sposato e di avere una bambina di 5 anni: "Puoi conoscerle se vuoi. Non è vero che non ti ho cercato, mi è stato impedito di fare il mio dovere di padre da tua nonna". Mirko fa togliere la busta e accetta di riabbracciare la figlia.


Alessandro chiede perdono alla ex e ai suoceri, il signor Franco idolo della rete.

La seconda storia della serata riguarda Alessandro. L'uomo vuole ricucire i rapporti con l'ex Valentina, da cui ha avuto una figlia. Dopo problemi legati a un prestito bancario per l'apertura di un centro estetico, i cui debiti sono stati ripagati dal padre di lei, la coppia ha iniziato a litigare e lui si è iscritto a un sito di incontri, ma è stato scoperto da lei, che lo ha lasciato. I destinatari della posta sono Valentina e i suoi genitori.

Volevo chiederti scusa per tutte le volte che ti ho trattata male. Sono stato un menefreghista e non te lo meritavi. Sono 9 mesi che sto da solo e che faccio il possibile per dimostrarti che sono cambiato. Ora sono presente con la nostra bambina, a differenza di prima. Ho anche trovato un lavoro. Io ti voglio ancora bene, io ti amo. Ora guadagno 1900 euro al mese. Ti prometto che dalla mia bocca non usciranno più parole sgradevoli. Lavorerò giorno e notte per renderti felice e per rendere felice la nostra bambina.

Alessandro si rivolge quindi ai suoceri Franco e Maria.

Da anni mi porto dentro un rimorso. Mi sento in colpa per averla messa con le spalle al muro economicamente, non ha potuto realizzare i suoi progetti. Non finirò mai di ringraziarla. Quello che ha fatto per me non l'ha fatto nessuno. Signor Franco, l'ho reputata sempre come un padre. Signora Maria, la ringrazio per tutto quello che fa per la bambina. Non avrei mai desiderato dei nonni migliori.

Franco: "Ti ho voluto bene come un figlio, mi hai tradito per 14 anni"

Il suocero, però, è durissimo

Mi hai lasciato senza una lira, ma dei soldi non mi importa. Hai avuto il coraggio che quando la mia nipotina, tua figlia, era all'ospedale con la broncopolmonite… cosa facevi? La notte brava. Ti ho voluto bene come un figlio, mi hai tradito per 14 anni. Io e mia moglie mangiavamo un etto di pasta. Io non ho avuto un'infanzia, sono venuto a Milano con la valigia di cartone. Io ho chiesto ad altri i soldi per ripagare i tuoi debiti. Mia figlia prende lo stipendio il 16 e il 17 non ha più nulla. Sapete a chi ha intestato i debiti? A suo nonno, ha rischiato di finire in mezzo alla strada. Io ho dato 100 mila euro, che mi sono sudato tutta la vita. Io ho problemi di salute seri, lavorerei io per aiutare mia figlia ma non reggo. Facevo la radioterapia e mai una volta mi hai portato tu. 

Franco sottolinea che Valentina continua a vedere Alessandro e a portargli la bambina: "Cosa vuole di più? Solo, non entra in casa mia". Alessandro, però, è intenzionato a ottenere il suo perdono: "Voglio bene più a lei, signor Franco, che a mio padre". Lui: "Io lo perdono, ma non apro la busta". Curiosamente, l'uomo raccoglie tantissimi commenti su Twitter per la sua simpatia burbera: il pubblico lo incorona idolo della rete, facendo passare quasi in secondo piano la storia tra Alessandro e Valentina.

Maria De Filippi pone però l'accento sul fatto che Alessandro sostenga di avere ancora un rapporto d'amore con Valentina. Lei nega: "Io gli voglio tanto bene, ma non lo amo più". Lui: "Allora perché vieni a letto con me fino a una settimana fa? Negando mi stai facendo passare da scemo ancora una volta davanti a tuo padre. Non dico che devi tornare da me domani. Ma perché non deve ammetterlo?". Lei continua a negare: "Noi adesso non abbiamo rapporti". La storia si conclude senza che la busta venga aperta.


Riccardo Scamarcio è la sorpresa per Stefania, provata dalla perdita della mamma.

Riccardo Scamarcio è la sorpresa per Stefania, provata dalla perdita della mamma

La prima storia della serata vede al centro il primo degli ospiti, l'attore Riccardo Scamarcio. Fabio e Simone, padre e figlio, sono nel programma per un regalo a Stefania, anche lei figlia di Fabio. La moglie di quest'ultimo, mamma dei due giovani, è morta a soli 49 anni lasciando un enorme vuoto nella famiglia, in particolare in Stefania, che da quel momento si è presa cura della casa e della famiglia. Papà Fabio vuole dirle quanto è orgoglioso di lei e al contempo spingerla a dedicarsi maggiormente a se stessa e alla propria vita.

Le lacrime di Stefania alle parole del padre: "Devi tornare a vivere"

Stefania accetta l'invito e si ritrova davanti il padre: "Sono meno bravo di mamma a dimostrarti quanto sei importante per me. Voglio dirti quanto ti voglio bene e quanto sono orgoglioso di te". Lei si commuove immediatamente. Mentre la neve scende nello studio, Maria De Filippi legge la commossa lettera del padre: "Di colpo ti sei rimboccata le maniche e ha cambiato le tue priorità. Tu sei per noi certezza, punto di riferimento. Sei una mamma e un papà, la soluzione quando serve, la protezione dei nostri cuori. Ma lei non avrebbe mai voluto trasformarti in una giovane badante di tuo fratello e tuo papà. Devi tornare a vivere la tua vita". Entra il fratello Simone, che legge la poesia lasciata dalla madre prima della sua scomparsa: "Non sono lontana, sono solo dall'altra parte del cammino". Le lacrime scendono copiose, poi c'è un momento leggero, quando Fabio e Simone piegano un lenzuolo, per dimostrare di poter districarsi nelle faccende casalinghe. Quindi, finalmente, la sorpresa.

Riccardo Scamarcio regala un viaggio a Stefania: "La leggerezza è importante"

Scamarcio entra in scena e consola Stefania: "Pensare a se stessi è importante, bisogna distrarsi dalle proprie responsabilità". L'attore regala un ciondolo con una piuma, per simboleggiare l'importanza della leggerezza, e un voucher per un viaggio con il fidanzato. Sul suo ruolo, brevissimo come da copione, ironizza qualche spettatore. La storia si conclude con le parole dei parenti. Il fratello Simone: "Non sono forse il fratello più affettuoso sulla faccia della Terra, ma ti voglio un bene smisurato. Tu riempi la casa, anche se non c'è mamma". Infine, il padre: "Devi promettermi di tornare a essere la ragazza di prima, con il sorriso di prima". La busta viene ovviamente tolta, con l'abbraccio finale.