Ci siamo, oramai Pechino Express 3 comincerà, questa sera, con un parterre di concorrenti che promette di rivelarsi sorprendente, ancor più di quello della scorsa edizione. Il capo spedizione, Costantino della Gherardesca, tra ironia e sorrisi, ha annunciato il trend di questa terza edizione dell'adventure game nella conferenza stampa in settimana, rivelando come i concorrenti di questa stagione saranno sottoposti a sforzi fisici e difficoltà molto superiori a quelle dello scorso anno. I nomi, d'altronde, li conosciamo ormai da diverse settimane e non v'è più mistero riguardo la loro identità. Dovremo solo capire come inizierà la loro avventura con questa doppia serata di partenza, domenica 7 e lunedì 8 settembre e quali saranno le coppie che più sorprenderanno. Intanto, andiamo a conoscerle una per una

I Fratelli, Clementino e Paolo Maccari.

Costantino li descrive così: uno molto bravo, carino, intelligente, l’altro fa il musicista. Clementino e suo fratello si annunciano come una delle coppie più interessanti di questa edizione, se non altro per la spontaneità del rapper e la curiosità di pire che tipo di personaggio sia al di fuori dell'aspetto strettamente artistico. La prima puntata ce li mostra abbastanza complici e soprattutto appassionati dell'idea avventurosa del programma. Poco ma sicuro che, se dovesse proseguire il loro cammino, questo spirito si assottiglierà nel corso del tempo.

Le Cougar, Eva Grimaldi e Roberta Garzia.

Una delle tre coppie completamente femminili del programma: da una parte un'icona sexy degli anni '90, conosciutissima al pubblico anche per i suoi ruoli in molte fiction di Canale 5, oltre che in molti film della commedia italiana. La sua compagna, un altro volto noto del piccolo schermo, nota in particolare per il suo ruolo in "Camera Cafè". Di questa prima puntata resta un'immagine meravigliosa, incastonata nell'immaginario collettivo: l'espressione di Eva Grimaldi dinanzi al rutto della donna che non accetta di ospitarle per una notte. "Un rutto… sordo", il suo commento.

Gli sposini, La Pina e Emiliano Pepe.

Partono col motto di chi deve fare il viaggio di nozze che non ha fatto per il matrimonio di un anno fa. Il loro approccio alla gara è dunque "easy", senza fretta ed ansia di correre. Il risultato è un ultimo posto nella prima gara. Vero è che, la capacità della Pina di saper raccontare la realtà che la circonda, fa sì i due meritino di restare fino all'ultima puntata.

I benestanti, Umberto e Sofia.

Hanno assunto la caratura dei figli di dell'anno scorso e sin da subito si è percepito, da parte del resto della ciurma, un certo trattamento nei loro confronti. La prima puntata li vede subire l'onta dell'handicap affibbiato da Clementino e suo fratello, che consiste in una capretta da portarsi a spasso. Svolgono il dovere con regalità, piazzandosi pure bene in classifica.

I coreografi, Alessandra Celentano e Corrado Giordani.

Che Alessandra Celentano potesse essere la "marchesa" di questa stagione, ricordandoci della presunta donna dal sangue blu che prese parte alla scorsa edizione, ce lo aspettavamo. E a primo impatto, l'impressione è stata esattamente quella. Corrado Giordani, suo amico da una vita, non impersona proprio il ruolo di Gregory, il maggiordomo, ma comunque è costretto ad interpretare il ruolo di quello che modera e tiene a bada le emozioni forti.

Le Cattive: Alessandra Angeli e Antonella Ventura.

Competitive sin dal primo momento, le due devono ancora mostrarsi per ciò che veramente sono. Al momento danno l'impressione, spontanea o condizionata che sia, di aver fatto voto allo snobismo più puro, che rispecchierebbe il loro profilo: bisognerà capire se servirà loro ad andare avanti nella gara. Scelte dal gruppo come le più odiate (nomen omen), si fanno valere nella lotta con le scimmie, dove paiono le meno intimorite.

Le Immigrate, Mariana Rodriguez e Romina Giamminelli.

Mariana e Romina si propongono senza dubbio come un continuum delle Modelle della scorsa edizione. E in effetti, il loro approccio non pare molto diverso. L'elemento esotico viene compensato dal dialetto napoletano di Mariana, che ha ben imparato la lezione di Marco Maddaloni, suo compagno. La prima puntata di quelle che qualcuno chiama "clandestine" impropriamente, si chiude con un sospiro di sollievo: si ritrovano candidate all'eliminazione in una puntata in cui l'eliminazione non c'è.

Gli Eterosessuali, Michael Lewis e Luca Betti

L'ironia di Costantino sulla loro eterosessualità è la cifra del personaggio e dell'impostazione del programma, cui piace giocare sui luoghi comuni, possibilmente rigirandoli. Vincono la prima prova, poi si perdono un po' nel corso della puntata, raggiungendo il picchio nel momento della doccia, che a qualcuno non sarà dispiaciuto.